Sport

pubblicato il 5 novembre 2009

MotoGP e SBK: il gioco dei quattro cantoni

Grande fermento nel mercato... team-manager!

MotoGP e SBK: il gioco dei quattro cantoni
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 1
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 2
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 3
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 4
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 5
  • MotoGP e SBK - mercato team manager - anteprima 6

E’ di poco tempo fa la notizia che Daniele Romagnoli, team manager Yamaha di Jorge Lorenzo, lascerà la squadra, stanco di un ruolo lontano da quello, prettamente tecnico, che sente suo. Le voci che lo vogliono in Honda, assieme a parte dei suoi tecnici, sono più recenti, e dicono anche che al suo posto dovrebbe arrivare dalla Superbike Massimo "Maio" Meregalli.

Oggi, però, ecco due bombe: se ne vanno da Ducati Davide Tardozzi e Livio Suppo. Si, deglutite e tornate a leggere: avete capito bene. Entrambi i manager dei team Ducati ufficiali, Superbike e MotoGP, se ne vanno verso altri lidi. Di Tardozzi ancora non si sa nulla, mentre Livio Suppo, udite udite, se ne va in HRC, dove evidentemente hanno intenzione di ricostruire completamente il team che assiste Dovizioso (con tanti italiani, forse non a caso) e, diciamo noi maligni, mettere un po’ di mordacchia ad un Puig che la dirigenza Honda sopporta sempre meno. Come dargli torto, viene da dire istintivamente…

A voler essere molto maligni, viene anche da pensare alle evoluzioni del mercato: il prossimo anno i quattro top rider saranno tutti senza contratto, e Honda, non è una novità, non è molto soddisfatta dei risultati portati dalla filosofia Puig, che prevede che Pedrosa venga servito, riverito e servito di nuovo, a qualunque costo. Lo sponsor pretende risultati, e la cosa vale per due case: Repsol e Marlboro. La prima chiede gentilmente di sapere come mai, dopo anni di dominio, dal 2003 di titoli ne ha vinto uno più per caso che per bravura (con Hayden), la seconda sembra non avere più molta pazienza da spendere per un pilota che, pur dotato di una manetta incredibile, prende un po’ troppe decisioni di testa sua e recalcitra ogni volta che gli si chiede di impegnarsi in attività promozionali. Non avete ancora fatto "2+2"? Aspettate, allora, vi metto l’ultimo pezzo mancante per la quadratura del cerchio: Suppo è una delle pochissime persone di cui Casey si fida nel circus mondiale – non a caso, è stato l’unico con cui parlava durante il periodo di auto-esilio e silenzio stampa.

Insomma, se l’anno prossimo doveste sentir parlare di Stoner in Honda, prima di mettervi a ridere, rileggete questo articolo e fate qualche riflessione. Pedrosa in Ducati? Ci avevano già provato quest’anno, e comunque, finché Yamaha non sarà riuscita ad ottenere una firma di Rossi su un contratto, anche Valentino potrebbe essere fra i papabili. E se Rossi firmasse per Yamaha, va da sé che Lorenzo, invece, sarebbe fra chi potrebbe andare a cercare di non far rimpiangere Stoner.

In Superbike il discorso è più complesso. Davide Tardozzi, che in Ducati ricopriva quel ruolo da un paio di ere geologiche (praticamente da quando ha dismesso i panni di pilota) se n’è andato, ufficialmente, senza alcuna prospettiva futura. Certo, Yamaha, se Meregalli dovesse davvero passare al team di Lorenzo, si troverebbe con un importante buco da riempire, e siamo sicuri che Berti Hauser, il signor BMW Motorsport, non disdegnerebbe affatto di rinforzare il proprio organico ingaggiando un manager del calibro di Tardozzi. Ma al momento tutto tace, dovremo aspettare l’anno nuovo per scoprire cosa riserva il futuro del cesenate.

E quello di Ducati? Beh, per la MotoGP sono a posto. In effetti, la mossa di promuovere Guareschi a Team Manager poteva far sospettare qualcosa, ma noi, boccaloni, abbiamo creduto alla mancanza di sovrapposizioni fra il ruolo di Vitto e quello di Livio. Adesso, anche il cambio di funzione di Filippo Preziosi ha più senso. Resta che, in Superbike, c’è un vuoto da colmare. Certo, Bayliss ha detto che vuole tornare al mondiale, ma con in mano la manetta, non il cronometro o il microfono. Ma, un momento... sta a vedere che Aprilia, che aveva già offerto una moto all’australiano, sta meditando il colpaccio! Ok, la smettiamo con il consumo di stupefacenti, ma ricordatevi, a volte sono le prospettive più pazzesche quelle che alla fine si avverano!

Autore: Edoardo Licciardello

Tag: Sport


Top