Novità

pubblicato il 13 novembre 2008

Ducati Hypermotard 2009

Nuovo anno all'insegna del bianco...

Ducati Hypermotard 2009
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Hypermotard - anteprima 1
  • Ducati Hypermotard - anteprima 2
  • Ducati Hypermotard - anteprima 3
  • Ducati Hypermotard - anteprima 4
  • Ducati Hypermotard - anteprima 5
  • Ducati Hypermotard - anteprima 6

Qualcuno avrà sicuramente pensato che se la Multistrada fosse nata direttamente così, il primo prodotto della dinastia "motard" Ducati non avrebbe avuto vita così problematica. Ducati Hypermotard non solo è una bellissima idea, ma a differenza della sorella "turistica" è stata anche sviluppata con quel gusto per le linee e per il particolare "modaiolo" che tanto piace ai ducatisti ed alla sempre più raffinata clientela a due ruote...

Che sia una creatura di Borgo Panigale, lo si capisce immediatamente "pesando" i contenuti tecnici: i 90 CV del propulsore 1100 DS, infatti, sono in grado di spingerla oltre i 200 km/h, pur senza dimenticare un occhio di riguardo per la guidabilità, che passa per il classico telaio a traliccio di tubi in acciaio e numerosi dettagli tecnici di prim'ordine.

Parliamo della forcella Marzocchi con steli da 50 mm ingabbiata nelle piastre di strezo a tre viti o del forcellone monobraccio controllato da un mono-ammortizzatore Sachs...ma anche dei cerchi Marchesini o delle pinze anteriori radiali Brembo a quattro pistoncini che agiscono su dischi anteriori da 305 mm..

Non manca all'appello la frizione a secco in puro stile racing, il manubrio largo a sezione variabile, la sella lunga ed in grado di rendere facili i movimenti longitudinali e numerosi altri dettagli pensati, a detta dei tecnici Ducati, per rendere il più divertente e redditizia possibile la guida della Hypermotard.

HYPERMOTARD S
Per il palati raffinati, Ducati ha previsto inoltre una versione Hypermotard S: forcella Marzocchi da 50 mm con steli dotati di rivestimento antiattrito al Nitruro di Titanio (TiN) e un ammortizzatore posteriore Ohlins, completamente regolabile, sono solo due delle modifiche apportate dal "pacchetto esse"

Cambiano, infatti, anche l'impianto frenante, grazie all'introduzione delle pinze Brembo radiali monoblocco ed i cerchi...in alluminio forgiato e lavorato di macchina per la massima leggerezza. Abbonda, inoltre, la fibra di carbonio nei parasteli forcella, nel parafango anteriore e nel codone e non manca il sofisticato sistema di telemetria DDA (Analizzatore Dati Ducati) disponibile in via opzionale anche sulla versione standard.

COLORI 2009
Per il 2009 Ducati ha deciso di impreziosire ulteriormente la sua "motardona" introducendo un'inedita tinta bianco perla, che crea un contrasto accattivante con il rosso del telaio a traliccio e con la nuova finitura grigio carbon dei coperchi motore laterali. Rimangono in listino il rosso con cerchi neri della "standard" ed il nero, con telaio nero e cerchi neri, disponibile sulla sola S.

Autore: Redazione

Tag: Novità , strada , bicilindriche , supermoto


Top