Sport

pubblicato il 29 ottobre 2009

WSBK 2010, Portimao, Test Day/2: ancora Rea

Il #65 del team Honda Ten Kate ancora protagonista. Crutchlow la sorpresa

WSBK 2010, Portimao, Test Day/2: ancora Rea
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 1
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 2
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 3
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 4
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 5
  • WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - anteprima 6

E' un Rea davvero "in palla" quello che chiude la seconda giornata di test in previsione della stagione 2010 andati in scena a Portimao. Con il tempo di 1'41.878, infatti, l'hondista stacca di un decimo il vincitore dell'ultima manche 2009, Fabrizio, e di poco più di due quella che può essere considerata l'altra sorpresa di giornata: la Yamaha di Crutchlow.

Il Campione del Mondo Supersport non poteva davvero iniziare meglio la sua avventura in sella alla moto che ha permesso a Spies di vincere al debutto: una moto speciale, anche perchè è la prima ad aver portato l'iride ad Iwata...ma che non sembra essere particolarmente piaciuta a Toseland.

Aldilà delle dichiarazioni di rito, infatti, sembra che Crutchlow stia a Spies come Toseland a Sykes: presto per parlare di pilota bollito, anche perchè la M1 del Team Tech3 che guida in MotoGP richiede una guida completamente diversa da quella richiesta da una SBK, ma il distacco di oltre un secondo dal compagno di squadra non è certamente un buon segnale nei confronti di una stagione in cui Yamaha lo vuole protagonista.

Buono l'inizio di Haslam in sella alla Suzuki Alstare: la sua quarta posizione ad un solo decimo dalla prima delle R1 parla da solo e se si considera che il quinto, Biaggi sulla Aprilia RSV4 Factory laboratorio, è staccato di quasi mezzo decimo viene quasi automatico pensare che il suo nome si vedrà spesso in vetta alle classifiche il prossimo anno.

Tra gli interessanti anche Camier, finalmente a meno di un decimo da Biaggi, e Checa: il pilota spagnolo in sella ad una Ducati 1098R in allestimeno "lontano" da quello che guiderà nella prossima stagione si è permesso il lusso di girare in 1'43.4. Per lui e per il Team Althea è un ottimo inizio: rimane da vedere di che livello sarà la moto a lui affidata il prossimo anno e, dato che si parla di una 1098R estremamente aggiornata, è prevedibile che "il veterano" si conceda qualche exploit nel 2010.

Tra le delusioni segnaliamo Haga, solo settimo, e Neukirchner: per lui una decima posizione in sella alla Honda Ten Kate che lo vede staccato di 1.7 secondi dal compagno di squadra. Male, rispetto al compagno di squadra, anche Guintoli (Suzuki Alstare) e Sykes: per l'ex-pilota Yamaha poco meno di un "45 in sella ad una Kawasaki che attende anche Vermeulen per crescere.

WSBK 2010, Portimao, Test Day/2 - 28/10/2009
1. Jonathan Rea (Hannspree Ten Kate Honda) 1'41.878;
2. Michel Fabrizio (Ducati Xerox) 1'41.992;
3. Cal Crutchlow (Yamaha World Superbike) 1'42.115;
4. Leon Haslam (Suzuki Alstare) 1'42.251;
5. Max Biaggi (Aprilia Racing) 1'42.71;
6. Leon Camier (Aprilia Racing) 1'42.79;
7. Noriyuki Haga (Ducati Xerox) 1'43.098;
8. James Toseland (Yamaha World Superbike) 1'43.147;
9. Carlos Checa (Althea Ducati) 1'43.425;
10. Max Neukirchner (Hannspree Ten Kate Honda) 1'43.549;
11. Sylvain Guintoli (Suzuki Alstare) 1'43.612;
12. Joan Lascorz (Kawasaki WSRT) 1'43.902;
13 Javier Fores (Kawasaki WSRT) 1'44.413;
14. Tom Sykes (Kawasaki WSRT) 1'44.9;
15. Vittorio Ianuzzo (Suzuki) 1'44.908;
16. Alex Hofmann (Aprilia test rider) 1'45.5;
17. Regis Laconi (DFX Ducati) 1'46.458

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top