Sport

pubblicato il 28 ottobre 2009

WSBK 2010, Portimao: Rea domina i primi test

Eccezionale debutto anche per Cal Crutchlow sulla R1 di Ben Spies

WSBK 2010, Portimao: Rea domina i primi test
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 1
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 2
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 3
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 4
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 5
  • WSBK 2009, Portimao - anteprima 6

E' stata una giornata molto positiva la prima del dopo Spies in Casa Yamaha. Cal Crutchlow, infatti, conferma la bontà della Yamaha R1 girando a poco più di sei decimi dal leader della classifica del "day 1" Jonathan Rea, che su questa pista domenica ha corso in SBK per la seconda volta. Meno bene l'altra Yamaha, quella di Toseland, che con il tempo di 1'43.700 vede distante la vetta: per lui alcuni piccoli problemi di adattamento alla nuova moto, completamente diversa rispetto alla Yamaha M1 che ha guidato nelle ultime due stagioni e che guiderà per l'ultima volta a Valencia.

"E’ stata una buona giornata - ha dichiarato Cal Crutchlow - fatta eccezione per la stupida caduta al mattino dopo circa 30 giri. E’ sembrato che ci fosse qualche problema alla gomma posteriore, che ha causato il mio high side. Ho battuto la testa e ho un po’ di emicrania, ma a parte questo è tutto ok. Il test è andato bene, abbiamo girato con buoni tempi, tutto merito del team che ha lavorato davvero duro. Oggi non abbiamo effettuato modifiche sostanziali sulla moto, domani interverremo maggiormente e vediamo come va".

"La sensazione - afferma James Toseland - è positiva. E’ il mio primo giorno sulla moto e mi è sembrato di essere un corpo un po’ estraneo dopo aver guidato due anni nella MotoGP. Ma il bilanciamento della moto sembra buono e sono rimasto favorevolmente colpito da come il team lavora. C’è un vecchio amico come capo ingegnere: ritrovarmi al fianco di Silvano Galbusera è molto positivo, perché ha grande esperienza e competenza. Questo ci ha permesso di effettuare modifiche sempre nella giusta direzione, ed essere riuscito a tenere più o meno lo stesso passo gara della gara di domenica, con una moto e su una pista nuove, è un buon risultato che mi soddisfa".

Positivo anche il debutto di Haslam in sella alla Suzuki, quinto dietro ad un Haga "appannato". Al debutto anche Neukirchner sulla Honda, Checa sulla Ducati Althea e Sykes sulla Kawasaki ufficiale. Grande gioia anche per il rientro di Laconi sulla Ducati DFX dopo l'incredibile botto del Sudafrica: il suo tempo non è certamente da prendere come riferiemento, ma se tutto andrà per il verso giusto il francese sarà della partita nel 2010.

WSBK 2010, Portimao Test Day 1 - 27/10/2009
Jonathan Rea (Honda) - 1’42.156
Michel Fabrizio (Ducati) 1’42.362
Cal Crutchlow (Yamaha) 1’42.795
Noriyuki Haga (Ducati) 1’43.098
Leon Haslam (Suzuki) 1’43.300
Max Biaggi (Aprilia) 1’43.400
James Toseland (Yamaha) - 1’43.700
Max Neukirchner (Honda) 1’43.810
Leon Camier (Aprilia) 1’43.900
Joan Lascorz (Kawasaki) 1’43.902
Carlos Checa (Ducati) 1’43.951
Javier Fores (Ducati) 1’44.413
Tom Sykes (Kawasaki) - 1’45.500
Regis Laconi (Ducati) 1’46.458

Tempi non dichiarati
Alex Hofmann (Aprilia test rider)
Hidemichi Takahashi (Kawasaki WSB test rider)
Vittorio Iannuzzo (Honda)
Luca Scassa (Honda)
Sylvain Guintoli (Suzuk

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top