Sport

pubblicato il 27 ottobre 2009

Tardozzi: saremo nuovamente protagonisti nel 2010

Il Team Manager Ducati parla della stagione appena conclusa

Tardozzi: saremo nuovamente protagonisti nel 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 1
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 2
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 3
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 4
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 5
  • WSBK 2009, Portimao, Team Ducati Xerox - anteprima 6

E dalle righe del Desmoblog che arrivano le prime dichiarazioni ufficiali di Davide Tardozzi relativamente all'esito del Campionato del Mondo Superbike, perso "ai punti" nell'ultimo mezzo giro di gara 2. Una stagione, quella della Rossa, in cui i titoli iridati non sono comunque mancati (Mondiale SuperStock e Campionato del Mondo Costruttori SBK)...ma alla quale è mancato il primo degli obiettivi, quello più importante: il Campionato del Mondo piloti.

"Abbiamo vinto il titolo costruttori SBK - afferma Davide Tardozzi - ed abbiamo vinto il Mondiale Superstock 1000, ottenendo 34 podi con i nostri piloti, secondo e terzo posto nel campionato del mondo SBK. Ma non ci basta. E’ chiaro che è mancata la "ciliegina sulla torta". Ci abbiamo creduto tutta la stagione e fino all’ultimo giro dell’ultima gara, ma purtroppo il campionato piloti ci è sfuggito."

"Voglio ringraziare - continua il manager della Rossa - tutti i ragazzi del Team e quelli che a casa ci hanno sostenuto giornalmente, Noriyuki e Michel che ci hanno fatto vivere grandi emozioni e che un’ora dopo la fine del mondiale erano già concentrati sul test di martedì e mercoledì, sempre qui a Portimao per ripartire ancora più competitivi, ancora più decisi a riconquistare un titolo perso per pochi punti."

"Eravamo perfettamente consapevoli - conclude Tardozzi - che la decisione di non fermare Michel a Imola ci poteva costare moltissimo. Alla luce di quello che è successo non credo, però, che sia questa la situazione in cui valutare quell’episodio. In gara due oggi Spies ha chiaramente controllato la gara, consapevole di avere le potenzialità per lottare per il podio ma facendo anche i suoi conti e valutando che la quinta posizione sarebbe stata più che sufficiente. Va poi considerato il fatto che Haga ha guadagnato il secondo posto a metà dell’ultimo giro e Michel non poteva essere al corrente di quello che accadeva alle sue spalle…"

Appuntamento con il Mondiale Piloti SBK nel 2010? Difficile dirlo ma è certo che Haga e Fabrizio saranno nuovamente protagonisti.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top