Accessori

pubblicato il 21 ottobre 2009

Tamburini Corse prepara la Tamburini T1

Un kit completo cambierà faccia alla 'veccchia' MV Agusta Brutale

Tamburini Corse prepara la Tamburini T1

Vi abbiamo recentemente parlato della Tamburini Corse, la nuova avventura imprenditoriale di Andrea Tamburini, figlio del grande Massimo, progettista delle fantastiche MV Agusta F4, Brutale e in passato della Ducati 916.

Andrea con il suo nuovo atelier di design moto e moda si prepara a lanciare sul mercato il primo dei suoi kit di restyling estetico e la creatura prescelta non poteva che essere la bellissima Brutale. Non si tratta però del nuovo modello 2010, recentemente presentato da MV Agusta, ma della vecchia serie, molto diffusa in tutto il mondo e vero oggetto di culto per tutti gli appassionati di design motociclistico.

Una delle critiche che parte degli addetti ai lavori ma, soprattutto, molti appassionati hanno mosso alle nuove Brutale 990R e 1090RR, riguarda paradossalmente proprio la linea di una delle moto più premiate al mondo in questo senso.

Nuova nell'85% dei suoi componenti e ristilizzata da cima a fondo pur rispettando i canoni estetici che ne hanno decretato negli anni il successo, la Brutale 2010 è da molti considerata poco "coraggiosa". In altre parole, nuova sì, ma un vero rinnovamento dell'immagine del prodotto non c'è stata.

Una strategia che, volendo fare un paragone con il mondo dell'automobile, è simile a quella di Porsche, che con le sue coupé ad alte prestazioni ha sempre portato avanti l'innovazione di prodotto rispettando la filosofia della continuità estetica.

Ora che Andrea Tamburini non fa più parte del team di progettisti di MV Agusta Corse, trasferita presso la sede centrale a Varese (prima era a San Marino), può "pensare in grande" e fare di testa sua al 100%. Ecco perché, per il lancio mondiale della Tamburini Corse (con sede a San Marino), ha scelto di creare un kit estetico per la vecchia Brutale, una sorta di testimonianza di quello che si sarebbe potuto fare "osando" di più in termini di rinnovamento del design.

"La Tamburini T1 è un progetto per così dire modulare - ci ha spiegato Andrea Tamburini - il kit infatti non sarà venduto soltanto in blocco ma i vari componenti potranno essere installati sulla Brutale in modo indipendente perché perfettamente integrati con il design originale della moto."

"La linea taglia in modo netto con il passato - prosegue Andrea -. Il kit Brutale T1 è composto da codone con guscio monoposto, fianchetti zona mediana, fianchetti serbatoio e zona airbox, sistema di scarico ad alte prestazioni (collettori e terminale), puntale."

"La Brutale, trasformata in T1, acquisisce un aspetto molto più dinamico, puntato sull'anteriore, slanciato e aggressivo, anche grazie allo scarico, più basso e compatto. Dal punto di vista della percezione visiva diventa molto più dinamica e moderna - ci racconta Andrea con entusiasmo - dando un taglio netto al passato pur senza rinnegarlo, visto che la base tecnica sono i modelli di serie della Brutale fino ai model year 2009."

Siamo davvero curiosi di vedere la Brutale T1! Presto saremo in grado di fornirvi tutte le immagini, ora top secret. Continuate a seguirci perché l'idea di scoprire come poteva essere la Brutale 2010 se MV avesse osato di più ci intriga veramente!

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Accessori


Top