Sport

pubblicato il 19 ottobre 2009

De Angelis in trattativa con il Team Scot per il 2010

L'alternativa potrebbe essere una Aprilia RSV4 in WSBK

De Angelis in trattativa con il Team Scot per il 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Phillip Island, Alex De Angelis - anteprima 6

E' presto ancora per dire se De Angelis riuscirà effettivamente a rimanere in MotoGP anche nel 2010, ma i risultati ottenuti delle ultime corse - tra cui l'eccezionale secondo posto di Indianapolis e la quarta posizione di Phillip Island - stanno facendo guadagnare punti preziosi in classifica mondiale (dove è 7° a pari punti con Capirossi) e nella considerazione dei Team Manager. Tra tutti, in pole position, sembra essere il il Team Manager del Team Scot Cirano Mularoni, il quale starebbe trattando con l'entourage di De Angelis per mettere Alex in sella ad una Honda RC212V privata nella stagione 2010.

"Mi auguro che la settima posizione nel mondiale e questo ulteriore risultato positivo - ha dichiarato De Angelis - possano convincere chi ancora non mi ha scelto per il prossimo anno. Mio padre e il mio avvocato sono in Italia in stretto contatto con Cirano Mularoni e spero che dopo questo piazzamento arrivino buone notizie."

"Sono molto felice per questo risultato - aggiunge De Angelis - che è merito mio e della squadra. Devo dire che siamo stati competitivi tutto il fine settimana e questo quarto posto è una degna ricompensa. Fare i primi quattro, cinque giri insieme ai migliori non è un onore che ti tocca tutti i giorni. Anche per questo sono davvero soddisfatto. Qui a Phillip Island c'è solo un tornante stretto dove abbiamo fatica in uscita per la mancanza di trazione, mentre in tutti gli altri punti la moto può sfruttare la potenza di un grande motore. Per questo oggi siamo andati così forte."

Nel caso in cui la trattativa con il Team Scot non andasse in porto, per Alex potrebbe anche essere pronto un contratto con la Aprilia nel Mondiale SBK. De Angelis conosce bene l'ambiente e gli uomini di Noale, avendo corso per Aprilia sino al 2007 in 125 prima e 250 poi, e gode di discreta stima in seno ai vertici del Team, a partire da Sacchi per arrivare a Mercanti: la moto potrebbe anche essere quella giusta per esprimere il suo talento e di certo per il Leone veneto sarebbe un notevole investimento per il futuro post Biaggi. Chiaro, però, che il primo obiettivo di Alex sia quello di rimanere in MotoGP: visti gli ultimi risultati, senza nulla togliere alla WSBK, se lo meriterebbe.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top