Novità

pubblicato il 7 ottobre 2009

Moto Morini Granpasso 2010

Pneumatici tassellati (opzionali) e tante piccole novità

Moto Morini Granpasso 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 1
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 2
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 3
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 4
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 5
  • Moto Morini Granpasso 1200 m.y. 2010 - anteprima 6

A conferma di quanto dicevamo solamente pochi giorni fa a riguardo dello stato di salute della Moto Morini - ovvero che l'azienda lavora, tutti rispondono al telefono e lo sviluppo dei nuovi modelli è in corso - sono giunte in redazione le prime immagini della GranPasso 2010, che prevede aggiornamenti di dettaglio rispetto al modello che ha debuttato nel 2008.

Le novità introdotte sono frutto dello sviluppo seguito al primo anno di commercializzazione e vanno ad interessare più componenti del veicolo in una evoluzione che dovrebbe aver portato benefici sotto molti punti di vista: il peso massimo tecnicamente ammissibile è salito ai 430 kg, grazie ad un nuovo disegno del cerchio a raggi in lega leggera Excel con sistema tubeless STS, sui quali è ora possibile installare pneumatici tassellati.

La Moto Morini Granpasso 1200 2010, infatti, è stata omologata anche per utilizzare i pneumatici più adatti all’utilizzo fuoristradistico, permettendo a chi approccia con più continuità le percorsi in terra, sabbia e sassi, più sicurezza e migliori performance.

Per quanto concerne il possente "milledue" a V di 87° progettato da Franco Lambertini, è stato introdotto un nuovo software di gestione per il controllo dell’iniezione, che prevede una diversa posizione della sonda lambda, ora applicata al collettore del cilindro anteriore. La nuova mappatura, a detta dei tecnici di Casalecchio di Reno, perfeziona la fluidità di erogazione e garantisce una migliore guidabilità soprattutto nei passaggi transitori.

Numerosi sono stati anche gli interventi riguardanti l'ergonomia del veicolo: il manubrio è stato rivisto nell'attacco alla piastra di sterzo così da poter essere regolato su più posizioni, mentre le pedane diventano più tecniche: sono micro fuse in acciaio alto legato con la possibilità di asportare facilmente l’inserto in gomma per l’uso fuoristrada.

Nella zona sottosella, inoltre, il nuovo paracalore stampato in alluminio, oltre a impreziosire l’estetica del veicolo, assicura ulteriori benefici al pilota proteggendolo dal calore trasmesso dallo scarico. La protezione è avvolgente e riesce a preservare dal calore anche il mono Ohlins pluriregolabile garantendone la continuità di resa in tutte le condizioni.

Non dovrebbero, invece, esserci particolari novità riguardo al prezzo (attualmente fissato in 12.790 euro) anche se alla data di oggi deve essere ancora ufficializzato.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top