Novità

pubblicato il 6 ottobre 2009

BMW C1-e Concept

Mobilità, ambiente e sicurezza gli obiettivi di progetto

BMW C1-e Concept
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW C1-e Concept - anteprima 1
  • BMW C1-e Concept - anteprima 2
  • BMW C1-e Concept - anteprima 3
  • BMW C1-e Concept - anteprima 4
  • BMW C1-e Concept - anteprima 5
  • BMW C1-e Concept - anteprima 6

Iniziamo subito col dire che il nuovo concept scooter BMW C1-E non rappresenta l'ultimo capito della serie "A volte ritornano": si tratta, infatti, di uno studio di fattibilità riguardante un veicolo in grado di dare una risposta alle esigenze dell'ambiente, della mobilità urbana e della sicurezza in sella.

Il nuovo concept, patrocinato dall'eSUM (acronimo di European Safer Urban Motorcycling, di cui fanno parte BMW, Piaggio e città come Parigi, Roma, Barcellona e Londra), parte dal base del C1 pur evolvendo alcuni concetti legati al rispetto ambientale: al posto del tradizionale motore monocilindrico alimentato a verde, infatti, BMW ha scelto di installare un propulsore elettrico di derviazione Vectrix, che non ha richiesto particolari interventi sotto il profilo tecnico.

Interventi che comunque ci sono stati in altre aree per fare posto al pacco batterie e recuperare kg preziosi, che si sono tradotti in un design visivamente più leggero e compatto rispetto al passato, pur senza rinunciare a quella spruzzatina di sportività che è tipica del brand tedesco: gruppi ottici e indicatori di direzione a led di derivazione HP2, per non parlare delle cinture di sicurezza rosse, parlano chiaro sotto questo punto di vista.

Cinture che sono il punto nevralgico degli altri concept di sviluppo richiesti da eSUM: il veicolo, infatti, oltre ad essere agile nel traffico, assicura indici di sicurezza pressochè identici al passato nonostante gli interventi di alleggerimento. Anteriorimente, infatti, è rimasto al suo posto il "becco" progettato come struttura d'assorbimento per gli urti frontali, così come la il tetto continua a mantenere funzioni di roll-bar in caso di caduta.

Un veicolo teoricamente "perfetto" per le aree urbane, dunque, perfettamente in linea con gli obiettivi di ridurre la mortalità degli incidenti stradali, che avvengono quasi sempre in aree urbane. L’obiettivo condiviso tra città e costruttori è l’identificazione, lo sviluppo e la dimostrazione pratica che esistono delle soluzioni che sono in grado di garantire sicurezza nell’utilizzo delle due ruote nel traffico cittadino del futuro: il C1-E è solamente il primo esempio.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top