Sport

pubblicato il 30 settembre 2009

Leon Camier sulla Aprilia RSV4 SBK

A Magny-Cours e Portimao il campione 2009 BSB sostituirà Nakano

Leon Camier sulla Aprilia RSV4 SBK
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 1
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 2
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 3
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 4
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 5
  • Leon Camier BSB Champion 2009 - anteprima 6

Shinya Nakano non concluderà la stagione in Superbike a causa dei postumi dell'infortunio alla clavicola in cui è incappato a Valencia. Il Team Aprilia SBK, dopo lo splendido exploit di Simoncelli a Imola, pare abbia risolto il problema della sua sostituzione per le ultime due gare con l'ingaggio del neo-campione del BSB, il British Superbike, Leon Camier.

Ventitré anni, originario del Kent, in sella alla Yamaha R1 del Team AirWaves quest'anno ha vinto 17 delle 23 manches disputate Oltremanica, una supremazia che gli è valsa l'ingaggio da parte di Aprilia e che, se dovesse essere confermata da due prestazioni di spicco in Francia e Portogallo, potrebbe portarlo sulla RSV4 ufficiale fin dall'inizio della stagione 2010.

Parlando di piloti attualmente sulla griglia di partenza del Mondiale non è certo il primo inglese ad attraversare La Manica per venire a correre nel Vecchio Continente, sono infatti suoi ex-colleghi del BSB nomi altisonanti dell'attuale circus World SBK come i piloti Honda Johnny Rea, Ryuichi Kiyonari, Leon Haslam, i piloti Yamaha Tom Sykes e Cal Crutchlow, e il velocissimo 'vecchietto' Shane Byrne della Ducati Sterilgarda.

Tra le particolarità di questo pilota, oltre al record di vittorie in una sola stagione di BSB, c'è anche la statura: l'asso inglese della Yamaha è infatti uno 'spilungone'. Alto ben 189 cm, già sulla R1 sembra trovare spazio a fatica e, considerando quanto 'enorme' sembrasse Simoncelli sulla RSV4 a Imola, immaginiamo che in Aprilia dovranno inventarsi qualcosa per far entrare il 23enne del Kent nella triangolazione manubrio-sella-pedane della compattissima V4 di Noale.

Ad ogni modo da Camier non ci si può attendere una prestazione subito maiuscola, non fosse altro che per la mancanza totale di test in sella alla superbike veneta, cosa che invece ha permesso a Supersic di presentarsi a Imola almeno con un'idea di quello che avrebbe guidato. E il risultato lo conosciamo bene...

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top