Novità

pubblicato il 25 settembre 2009

MV Agusta Brutale 1090RR

Cambiano nome e look ma la cilindrata è sempre 1078

MV Agusta Brutale 1090RR
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 1
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 2
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 3
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 4
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 5
  • MV Agusta Brutale 1090 RR - anteprima 6

Rispetto alla sorella minore 990R , la nuova MV Agusta Brutale 1090RR non varia rispetto al passato in termini di cilindrata...anche se la nuova nomenclatura non lascia spazio ad equivoci: la naked di Schiranna è tutta nuova, dentro e fuori.

Vero, così di primo acchito non si direbbe: vedendola da una ventina di metri le differenze potrebbero risultare solamente di tipo cromatico rispetto al modello in listino dal 2001, ma in realtà a cambiare sono l'85% delle componenti, senza distinzione tra estetica e meccanica.

PIOGGIA DI LED
A cambiare, innanzitutto, è lo sguardo: il disegno del gruppo ottico è quello datato 2001 e firmato Massimo Tamburini, ma l'architettura interna ora prevede un elemento poliellissoidale sotto al quale corre una fila di otto LED. Una soluzione presa a piene mani dall'universo dell'automobile e che trova nei LED inseriti negli specchietti a mo' di indicatori di direzione ed in quelli su cui si basa il funzionamento del gruppo ottico posteriore la perfetta quadratura del cerchio.

Un cerchio che si compone anche di un nuovo codone, più stretto, affilato e dotato di una sella più lunga, di convogliatori dell’air box verniciati dello stesso colore del serbatoio e di un coperchio valvole della testa verniciato di rosso. Elementi impreziositi a loro volta da una versione ristilizzata del doppio scarico laterale sovrapposto, dei nuovi cerchi "a stella" forgiati e dal nuovo disegno dei carter motore, meno arrotondati e con nuova personalizzazione dei marchi MV a rilievo.

1078 cc.
La cilindrata del motore, come accennato all'inizio, è rimasta del tutto invariata, mentre la potenza massima è scesa a 144 CV. A cambiare è anche la parte bassa del motore, grazie all'introduzione di un basamento più leggero di 600 grammi ed in grado di ospitare anteriormente un contralbero equilibratore delle forze di secondo ordine.

Quattro cilindri, 16 valvole radiali, il cuore della MV Agusta Brutale 1090RR è stato dotato anche di una nuova elettronica Marelli 5SM, in grado di controllare il corpo farfallato Mikuni da 46 mm, più leggero di 150 grammi rispetto al passato: due le strategie di erogazione, otto i livelli di controllo della trazione, entrambi gestibili per mezzo di appositi tasti sul manubrio.

NEL SEGNO DELLA CONTINUITA'
Come per stile e motore, anche il telaio si evolve nel segno della continuità: il telaio, a traliccio di tubi d'acciaio saldati al TIG è ora più leggero e vanta intrecci più stretti, così da poter assicurare maggior rigidità torsionale. Tra le novità anche l'inclinazione del cannotto di sterzo, che passa da 24.5 a 25 gradi e la lunghezza del forcellone: apparentemente simile al vecchio, è più lungo di 20 mm, leggero di 1.2 kg ed abbinato ad un leggerissimo cerchio forgiato.

Grazie a queste ed altre numerose modifiche di dettaglio, l’avancorsa è aumentata da 101,5 a 103,5 mm e l’interasse allungato da 1410 mm a 1438 mm. Più alta anche la sella, che passa da 805 a 830 mm da terra, mentre a differenza della 990R la 1090RR è dotata di supporti pedana regolabili.

MARZOCCHI DA 50 E BREMBO RACING
In tema di sospensioni MV Agusta propone una forcella Marzocchi da 50 mm con escursione da 125 mm, mentre al posteriore il movimento oscillatorio della ruota è gestito un ammortizzatore Sachs ammortizzatore con doppia regolazione in compressione, alte e basse velocità; per l’estensione è previsto il serbatoio separato.

L’impianto frenante vanta dischi Brembo da 320 mm, flangia in alluminio e pinze racing monoblocco con pistoncini da 34 mm e attacco radiale.

PIU' INFORMAZIONI
Tra le novità anche la strumentazione: caratterizzata da linee più tese, il nuovo cruscottino è personalizzabile nel colore per mezzo di cover ed è in grado di fornire molte più informazioni rispetto al passato. Oltre al contagiri digitale, infatti, dal doppio dispaly digitale si possono leggere dati riguardanti il numero della marcia inserita, il livello carburante, la velocità, la temperatura dell’acqua, senza dimenticare la funzione di cronometro con memorizzazione dei giri e dei tempi. La strumentazione, inoltre, è già predisposta all’utilizzo del sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici.

BICOLORE
In vendita ad un prezzo di 18.500 euro, la nuova MV Agusta Brutale 1090RR è disponibile nelle colorazioni bianco perla/nero e rosso/argento.

Per scoprire come va la nuova MV Agusta Brutale 1090RR vi rimandiamo al nostro test ride.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top