Sport

pubblicato il 18 settembre 2009

Cal Crutchlow in Yamaha SBK dal 2010

L'anno prossimo il britannico sull'R1 ex-Spies

Cal Crutchlow in Yamaha SBK dal 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 1
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 2
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 3
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 4
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 5
  • Cal Crutchlow Yamaha Supersport 2009 - anteprima 6

Nel vortice di notizie che si sono accavallate nelle ultime ore di ieri, con la partenza di Spies per la MotoGP decisa quando c'è ancora in ballo un titolo di campione SBK, è passato un po' in secondo piano la problematica della sua sostituzione.

I contratti "aperti" che fanno in Yamaha, però, pare abbiano risolto la situazione: sia Spies che Crutchlow, attualmente in testa rispettivamente ai Mondiali SBK e SS, sono legati alla Casa di Iwata fino al 2011, un legame inteso in "senso lato", ovvero Motomondiale o derivate di serie. A livelli diversi ecco quindi i due fenomeni di casa Yamaha "travasati" di categoria: il britannico dalla SS alla SBK, il texano dalla SBK alla MotoGP.

E' un ruolino di marcia niente male quello del giovane pilota di Coventry: in sella alla R6 ufficiale quest'anno riuscirà con ogni probabilità a spezzare il dominio Honda che, con la CBR600RR, si è aggiudicata gli ultimi 6 titoli di questa categoria, che diventano 7 se si aggiunge anche la stagione 2002 vinta da Foret con la vecchia CBR600F Sport. Quest'anno su 11 gare disputate, è salito 9 volte sul podio, 5 da vincitore, 2 sulla piazza d'onore e 2 sull'ultimo gradino.

Per lui si era parlato anche di un 2010 in Moto2, la sostituta della classe 250, ma quello stesso contratto che gli permetterà di salire sulla R1 liberata da Spies, gli ha di fatto impedito il passaggio nel circus del Motomondiale.

Un appetito, quello per i GP, che è venuto a diversi team e piloti della SuperSport e che di fatto sta portando ad alcune rimarchevoli defezioni, prima fra tutte della stessa Yamaha che, l'anno prossimo, non schiererà ufficialmente nessuna R6 nel Mondiale.

I fratelli Flammini hanno fatto bene ad "alzare il pelo" quando si è parlato di una ipotetica classe Moto1 con motori 1000 cc derivati dalla serie, ma hanno "chiuso il recinto" troppo tardi, alcuni "buoi" erano già scappati in Moto2...

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top