Special e Elaborazioni

pubblicato il 17 settembre 2009

AC Schnitzer BMW F800R Reloaded

Estetica più sportiva con i dettagli del preparatore tedesco

AC Schnitzer BMW F800R Reloaded
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 1
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 2
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 3
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 4
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 5
  • AC Schnitzer BMW F800R Reloaded - anteprima 6

E' nei concessionari BMW Motorrad solo da maggio di quest'anno ma la F 800 R sta già riscuotendo un bel successo di vendite, con 996 esemplari immatricolati in Italia in soli 4 mesi di commercializzazione.

Merito sicuramente del prezzo di acquisto (8.250 Euro c.i.m.) piuttosto concorrenziale, considerando che si tratta di una Bmw, ma soprattutto delle qualità dinamiche e ciclistiche di questa piacevole naked bavarese, capace di 87 CV a 8.000 giri e dotata di sospensioni semplici ma molto a punto.

Quando però si parla di Bmw prima o poi salta sempre fuori il nome di AC Schnitzer, (di cui vi abbiamo già mostrato la K 1300 S) lo specialista tedesco del tuning che si è reso famoso per le sue eccellenti supercar ma che da diversi anni si diletta anche nell'elaborazione (invero mai troppo 'hard') delle moto tedesche.

Stavolta, per l'appunto, tocca alla F800 R, definita dal preparatore di Aquisgrana, vicino al confine belga, una versione "Reloaded".

L'intervento è come sempre sia estetico che tecnico, con l'installazione di alcuni interessanti accessori. Il più evidente è il puntale, molto esteso, praticamente una "vasca" come quelle che devono usare anche le naked quando devono partecipare alle gare in circuito. Ci sono anche dei fianchetti anteriori, per celare alla vista il radiatore e completare la linea integrandosi con serbatoio e semicarena inferiore.

Al posto del manubrio di serie c'è un nuovo elemento in alluminio con finitura anodizzata nera, sul quale è installata anche una modifica per gli specchietti che potremmo definire affettuosamente una "tedescata": due prolunghe ne alzano e allargano il posizionamento, in modo da migliorare sensibilmente la visuale posteriore per il pilota. Si tratta in realtà di un accorgimento molto interessante per la sicurezza e che il preparatore tiene a precisare può essere montato anche sul manubrio di serie.

Le leve al manubrio con finitura "titanium" sono dei pregiati elementi sviluppati da AC Schnitzer, in lega leggera di derivazione aeronautica e completamente regolabili.

Non poteva mancare uno terminale di scarico più sportivo, denominato "Stealth" per via della finitura color nero e del fondello in carbonio; è omologato grazie alla presenza del dB-killer e per l'uso in pista è asportabile. Migliora sensibilmente la vista laterale e conferisce un sound ancora più caratteristico al bicilindrico parallelo della F 800 R. E' comunque consigliata l''installazione anche del filtro aria speciale, più permeabile per sfruttare le migliorate capacità di scarico.

In collaborazione con WP Suspension sono poi stati sviluppati il monoammortizzatore pluriregolabile e le molle progressive per la forcella che, stando a quanto dichiara il preparatore, migliorano la tenuta di strada senza compromettere il comfort di marcia ma, anzi, ottimizzando anche la qualità della frenata, più sostenuta nell'ultima parte di escursione.

E se proprio siete sfortunati e vi capita una banale scivolata, niente paura, danni limitati grazie ai bei tamponi in lega leggera a due punti di attacco.

Per ulteriori informazioni riguardo il mondo AC Schnitzer è possibile visitare il sito http://www.ac-schnitzer.de/ o rivolgersi allo specialista fiorentino del marchio tedesco all'indirizzo http://www.francoalosa.com

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top