Sport

pubblicato il 6 settembre 2009

WSBK 2009, Nurburgring, Gara-2: sorpresa Rea

Vince il pilota Honda che a inizio gara stende Haga

WSBK 2009, Nurburgring, Gara-2: sorpresa Rea
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 1
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 2
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 3
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 4
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 5
  • WSBK 2009, Nurburgring - anteprima 6

La cosa più bella di gara 2 è stato forse vedere John Hopkins passeggiare in pit lane prima dello start, davvero un sollievo dopo il terribile incidente di cui è stato vittima in gara 1.

Parte la gara e lo spunto migliore è di Haga, seguito dalla Honda di Checa e dalla Bmw di Corser. Scatta male invece Spies che si ritrova settimo al primo passaggio dietro alla Ducati di Fabrizio. Pessima partenza anche per Biaggi, decimo, che fa anche un paio di errori alla staccata della prima curva.

Molto aggressivo Rea che si installa in terza posizione dopo una staccatona in derapata su Corser e contestuale giro veloce.
Al terzo giro Checa ha la meglio su Haga e Rea cerca di imitarlo ma senza successo, passano però poche curve e l’inglese si mette davanti al compagno di team per fare poi lo stesso con il giapponese della Ducati e provare a involarsi in solitaria.

All’inizio del quinto giro Haga tenta di riprendersi la prima posizione attaccando Rea, che reagisce incrociando la traiettoria, i due si toccano e il giapponese perde l’equilibrio ritrovandosi a terra nel bel mezzo del nastro di asfalto. Smacco per la Ducati anche perché Spies non sembra essere particolarmente a suo agio in questo inizio di seconda manche.

Sono tre le Honda al comando, con Rea, Checa e Haslam in sella alla Fireblade del team Stiggy. Si chiude il settimo passaggio con Fabrizio quinto e Biaggi sesto che ha appena avuto la meglio su Corser e la sua Bmw
Haslam passa anche Checa e si getta all’inseguimento di Rea. Spies riesce a mettere le ruote davanti allo spagnolo al giro successivo ed ha meno di un secondo da recuperare per riacciuffare Haslam davanti a lui.

Biaggi a metà gara è quinto dopo aver superato Fabrizio ma è a oltre due secondi da Checa, quarto. Il ducatista forse ha qualche problema perché subito dopo anche Corser con la Bmw lo supera.
Spies conquista la seconda posizione ai danni di Haslam con una grinta quasi eccessiva al dodicesimo giro. Ha Rea nel mirino che si trova a quasi 8 decimi davanti a lui. Nel frattempo i problemi di Fabrizio sembrano davvero seri perché si trova a fare i conti anche con un arrembante Tom Sykes in sella alla seconda Yamaha che, infatti, lo passa all’inizio del quindicesimo giro.

All’inizio del sedicesimo passaggio Rea mantiene otto decimi di vantaggio su Spies e alle loro spalle Biaggi, quarto, è ormai su Haslam che fatica a resistergli mentre Checa è comodamente terzo con un vantaggio di due secondi sugli inseguitori e un ritardo di poco più di un secondo dai primi due.

Il bel sorpasso di Biaggi ai danni di Haslam arriva a tre giri dalla fine e la quarta piazza finale sembra ormai sicura per l’alfiere dell’Aprilia.
Sulla linea del traguardo 246 millesimi separano Rea da Spies e il texano ha tutta l’aria di voler tentare l’attacco con anticipo per non tentare l’azzardo all’ultimo giro. L’intento però non va in porto e Ben sfrutta ogni millimetro di asfalto per cercare il varco su Rea, bravissimo a chiudere tutte le traiettorie. È fenomenale il top rider del team Ten Kate e con linee perfette vince alla grande una gara su ritmi elevatissimi. Checa è terzo e Biaggi ottimo quarto.
Bella prova anche per Scassa con la Kawasaki, 14esimo, e Iannuzzo con la Honda, 15esimo.

Spies guadagna altri 20 punti e si porta con 364 punti in testa alla classifica, davanti a Haga a quota 346 punti, indietro di 18 punti.
Siete pronti per Imola? Sarà grande spettacolo!

WSBK 2009, Nurburgring, Gara 2
1 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR
2 19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 0.786
3 7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 4.993
4 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 8.191
5 91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 10.907
6 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 17.152
7 9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 19.473
8 66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 19.721
9 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 22.981
10 71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 24.161
11 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 29.367
12 10 Nieto F. (ESP) Ducati 1098R 30.007
13 23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 37.281
14 99 Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 47.883
15 77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 49.549
16 15 Baiocco M. (ITA) Ducati 1098R 49.635
17 25 Salom D. (ESP) Kawasaki ZX 10R 1'19.554
18 94 Checa D. (ESP) Yamaha YZF R1 1'22.329

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Sport


Top