Novità

pubblicato il 4 settembre 2009

Honda Shadow 750 Black Spirit 2010

Stile "dark" per la nuova versione della custom di Tokyo

Honda Shadow 750 Black Spirit 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 1
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 2
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 3
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 4
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 5
  • Honda VT 750 Shadow Black Spirit  - anteprima 6

In fatto di custom Honda si è data un gran da fare in ottica 2010 e, dopo la splendida VT 1300 CX, presenta altri interessanti modelli.

Nel 2007 Honda ha lanciato la Shadow Spirit 750; derivata dalla classica VT 750 Shadow proponeva uno stile più tradizionale grazie alla ruota anteriore da 21" e un'erogazione più dolce e lineare con l'introduzione dell'iniezione elettronica.

Per il 2010 Honda aggiorna questo cavallo di battaglia presentando la Shadow Black Spirit 750, una sorta di "special" che fonde lo stile classico con il lato dark presente un po' in tutti gli amanti delle custom-cruiser.

La singola colorazione nera è affascinante e intrigante ed esalta la robusta semplicità delle linee di questa accattivante versione della Shadow. A caratterizzarla sono anche altri dettagli, come il taglio del parafango anteriore e di quello posteriore, il manubrio rialzato e dritto e il piacevole contrasto tra il colore nero e il colore grigio di molti particolari, tra i quali il doppio silenziatore sovrapposto resta l'unica "macchia" piacevolmente cromata.

Ad amplificare il piacere di guida della Black Spirit è il conosciuto motore bicilindrico a V di 52°, con distribuzione monoalbero a 3 valvole per cilindro, doppia accensione e raffreddamento a liquido, e la trasmissione a cardano, precisa ed esente da manutenzione ordinaria. Generoso e silenzioso il motore da 745 cc a corsa lunga non richiede un continuo uso del cambio (a 5 marce) e consente di godersi la strada in relax.

Il pastoso propulsore è racchiuso in un robusto telaio a doppia culla in acciaio tubolare che ha permesso di abbassare il piano di seduta e la posizione del serbatoio per un'ergonomia da vera custom ribelle.

Confortevoli ma non per questo sottodimensionate le sospensioni: la forcella da 41 mm, la ruota anteriore da 17" e quella posteriore da 15" e gli ammortizzatori progressivi, non impediscono di tenere andature più sostenute quando alla guida contemplativa si sostituisce una condotta più brillante.

L’impianto frenante presenta un singolo disco anteriore da 296 mm con pinza a due pistoncini, associato ad un convenzionale tamburo da 180 mm al posteriore, anch'esso verniciato in nero per massimizzare l'immagine "black" di questo nuovo modello della famiglia Spirit.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top