Special e Elaborazioni

pubblicato il 3 settembre 2009

Moto Guzzi Diamante 1400

Una special da 140 CV su base Griso 8V

Moto Guzzi Diamante 1400
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 1
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 2
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 3
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 4
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 5
  • Moto Guzzi Diamante di Filippo Barbacane - anteprima 6

Vi presentiamo una special molto bella realizzata da un nome noto a tutti gli appassionati delle Moto Guzzi: Filippo Barbacane. Il tuner di Pescara stavolta è intervenuto in modo radicale su una Griso 8V che ha potenziato, modificato nella ciclistica e reso originalissima nell'estetica.

Al posto della forcella a steli rovesciati originale c'è ora l'avantreno completo della vecchia Gilera CX125, caratterizzata dal "monostelo" che mette completamente in evidenza il cerchio, reso ancora più evidente dal bel contrasto tra bianco e nero della verniciatura di sovrastrutture, ciclistica e motore.

Al retrotreno è rimasta al suo posto la trasmissione a cardano e il monobraccio che la contiene ma c'è un nuovo cinematismo della sospensione e un'asta di reazione in Ergal di generose dimensioni. Le ruote sono sempre della Gilera CX125 ma modificate per risultare più leggere, sia nel peso che... alla vista.

Nessun intervento di rilievo invece sull'impianto frenante, originale Gilera all'anteriore e Guzzi/Brembo al posteriore.

Ad impressionare deve essere semmai l'erogazione di questa super café racer: il motore, grazie alle cure della Millepercento di Verano Brianza, in Lombardia, ha raggiunto la cilindrata di 1.400 cc ed è in grado di sviluppare una potenza di 140 CV.

Fantastico l'impianto di scarico, con gli enormi collettori che abbracciano il motore scendendo dai cilindri verso il lato destro del motore per terminare nel tozzo silenziatore posto dietro alla coppa dell'olio.

Al raffreddamento, oltre al radiatore dell'olio maggiorato, contribuiscono anche le spigolose sovrastrutture che convogliano l'aria sulle teste.

L'estetica è affascinante, minimalista: la parte più riuscita è a nostro avviso il codone, realizzato in tubi dello stesso diametro del telaio, di cui riprende disegno e andamento chiudendosi dietro la sella, appena sopra il piccolo gruppo ottico a led. All'anteriore invece c'è il faro di derivazione Yamaha MT-03 privato della cornice in plastica.

Davvero splendida e, a quanto pare, "replicabile": ne saranno infatti realizzate e messe in vendita una trentina.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top