Sport

pubblicato il 31 agosto 2009

Caduta "strana" per Rossi ad Indianapolis 2009

Il tavulliano mantiene ancora 25 punti di vantaggio su Capitan America

Caduta "strana" per Rossi ad Indianapolis 2009
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Indianapolis, Valentino Rossi - anteprima 6

Voleva restituirgli tutto e subito, come sempre, ma questa volta qualcosa è andato storto. In realtà, per Valentino Rossi, il weekend americano non era certamente iniziato nella migliore delle maniere: sin dal venerdì sono emersi numerosi problemi di assetto, così come il feeling con la pista non è mai sembrato essere quello di Dani Pedrosa (partito dalla pole) o del compagno di squadra Jorge Lorenzo, galvanizzato a tal punto dal casco di Capitan America (con tanto di scudo nel giro d'onore) da risultare imbattibile sulla versione moderna del vecchio Brickyard.

La caduta di The Doctor, che ci può stare nel bel mezzo di una stagione così combattuta, è stata comunque molto strana. Dopo aver sbagliato la prima curva a sinistra, infatti, si è ritrovato in traiettoria completamente sbagliata nell'impostazione della seconda, andando a frenare - a suo dire - in una zona di asfalto molto sporco. La nostra impressione è stata quella di un errore di deconcentrazione o di sottovalutazione delle sconnessioni dell'asfalto (scandalose) che ha portato ad una pinzata troppo violenta. Perchè è vero che cadere di avantreno non è poi cosa così rara...ma farlo con la ruota posteriore alzata ad una spanna da terra, a moto ancora praticamente dritta, non fa parte certamente del repertorio delle classiche scivolate causate da perdite di aderenza all'avantreno.

In tema di mondiale per Rossi nulla è perduto. Certo il buffer di 50 punti con il quale è arrivato a Indianapolis si è dimezzato, ma sostanzialmente potrebbe permettersi un'altro weekend come questo e ritrovarsi comunque in testa al campionato. Una situazione che può fargli dormire dei sonni relativamente tranquilli, anche perchè ora arrivano piste più idonee a corse di moto che a gare di motocross, per cui i valori in campo dovrebbero tornare ad essere quelli visti sino ad oggi.

"Oggi è stata ovviamente una delusione! - ha dichiatato Valentino Rossi - Abbiamo faticato con l’assetto per tutto il fine settimana, ma questa mattina lo abbiamo migliorato, ho fatto una buona partenza e sono riuscito a rimanere in contatto con Pedrosa. Quando Dani è caduto ero conscio che sarebbe stata una lotta fra Jorge e me, ma onestamente non so come sarebbe andata a finire, perché Jorge oggi è stato molto veloce. Ovviamente sarebbe stato meglio terminare in seconda posizione piuttosto che non terminare del tutto! Purtroppo sono andato largo su una parte sporca della pista alla curva uno ed ho perso l’anteriore. Ho cercato di ripartire per terminare la corsa, ma c’era un problema con l’acceleratore e non è stato possible. Voglio congratularmi con Jorge per la sua vittoria, ma ora dobbiamo guardare a Misano e tornare davanti. Siamo ancora in testa al campionato e questa è la cosa più importante."

"Questo - parla Davide Brivio - non è stato il miglior fine settimana per noi. Si è trattato di una strana caduta, ed è per questo che Valentino ha voluto controllare la telemetria non appena è rientrato al box. Sembra che si sia trovato dalla parte sporca della pista, così quando ha frenato ha perso l’avantreno, ed è andata! Vale ha poi provato a ripartire, ma questa volta non è stato possible, così ora dobbiamo accettare che il nostro vantaggio in campionato si sia un po’ ridotto. Facciamo le congratulazioni a Lorenzo e all’altra parte del box, ma ora guardiamo a Misano, la prossima settimana."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top