Sport

pubblicato il 26 agosto 2009

MotoGP 2009, Indianapolis: Yamaha vincente?

Torna in pista la sfida tra i due piloti della M1

MotoGP 2009, Indianapolis: Yamaha vincente?
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Brno, Fiat Yamaha Team - anteprima 6

Ed ora si torna a fare sul serio: dopo la firma sul contratto, con cui Jorge Lorenzo ha finalmente posto fine alla sceneggiata estiva di cui è stato protagonista, il Team Yamaha MotoGP può finalmente concentrarsi sul finale di stagione, caratterizzato da una curiosa lotta interna tra i due piloti delle M1 ufficiali. Valentino Rossi, al comando della classifica con 50 punti di vantaggio, in realtà ha già messo la sua sigla sul nono mondiale in carriera...grazie anche al doppio 0 fatto registrare da Jorge a Donington e Brno, ed ora potrebbe anche limitarsi a gestire un vantaggio - ma qualcosa ci dice che non lo farà! - che a sei gare dalla fine del Mondiale si è fatto importante.

"La gara del 2008 a Indy - ha dichiarato Valentino Rossi - è stata qualcosa di straordinario perché abbiamo corso nel circuito più famoso del mondo per la prima volta in assoluto. Non sapevamo cosa aspettarci ma la nostra moto è andata bene fin da subito e siamo stati molto veloci sia sull’asciutto sia sul bagnato. Comunque ogni anno è una storia a sé quindi non sapremo a che punto siamo fino a venerdì pomeriggio. L’anno scorso abbiamo ottenuto una grande vittoria ma, come tutti, mi auguro che quello rimanga il nostro unico incontro ravvicinato con un urgano e che questa volta le condizioni siano più "normali". Come ho già detto a Brno, rilassarsi e considerare il campionato già finito sarebbe un errore, perché può ancora succedere qualsiasi cosa. Sappiamo che Lorenzo questo fine settimana sarà molto forte e determinato a rifarsi delle due ultime gare. Dobbiamo rimanere concentrati."

"Indy è speciale per me - parla Jorge Lorenzo - perchè è la pista dove ho ottenuto il mio primo podio sul bagnato in MotoGP. E’ stata anche una gara strana che forse avremmo dovuto interrompere un po’ prima perché "Ike" era piuttosto violento; speriamo che questa volta sia tutto un po’ più tranquillo. Sono fiducioso perché nelle ultime gare mi sono sempre sentito bene, veloce fin da subito a prescindere da come sia andata la domenica. Non penso più al mondiale ma mi piacerebbe vincere ancora nei prossimi tre mesi, soprattutto qui a Indy, nell’anno del centenario della pista. Le prossime due settimane, con Misano immediatamente dopo questa gara, saranno molto impegnative, ma noi siamo pronti."

"I test di Brno sono andati bene - ha dichiarato Davide Brivio, Team Manager Yamaha box Rossi - abbiamo lavorato parecchio, soprattutto in ottica futura. E’ un buon momento per noi, siamo in testa al mondiale con 50 punti di vantaggio e la moto va bene ma, come dice Valentino, non possiamo rilassarci perché i nostri avversari sono molto forti. Amiamo tutti correre in America dove abbiamo sempre un grande supporto dai nostri amici americani di Yamaha, quindi arriveremo con un ottimo spirito e grandi motivazioni. L’anno scorso la moto è andata molto bene e speriamo che sia così anche quest’anno, magari senza uragani!"

"Nel 2008 Jorge a Indy - ha dichiarato Daniele Romagnoli, Team Manager Yamaha box Rossi - ha fatto una grande gara e quel momento per lui è stato molto importante. Questa volta speriamo però che il tempo sia migliore. Tutti in squadra adorano correre negli USA, l’anno scorso a Indy ci siamo divertiti molto e non vediamo l’ora di tornarci. Dopo le ultime due gare il nostro unico obiettivo è fare del nostro meglio e lottare per le posizioni al vertice. Vogliamo un buon risultato per dimenticare Brno e prepararci per la parte finale della stagione."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top