Special e Elaborazioni

pubblicato il 21 agosto 2009

Cagiva Mito Scorpion Performance

90 CV così posson bastare...

Cagiva Mito Scorpion Performance
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 1
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 2
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 3
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 4
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 5
  • Cagiva Mito Scorpion Performance - anteprima 6

Una Mito così, con ogni probabilità, è il sogno di ogni sedicenne "in odore di moto" al mondo: con un rapporto peso/potenza quasi pari all'unità, infatti, la Cagiva Mito Scorpion Performance è in grado di fornire prestazioni incredibili, così come di soddisfare l'occhio del motociclista più appassionato, grazie ad un mix di componentistica davvero "over the top".

Di "originale", infatti, è rimasto ben poco se non gran parte del telaio, il basamento del motore e quella linea da mini-916 che dal 1995 in poi ha caratterizzato per un paio di lustri la 125 del Gruppo MV Agusta.

200 cc., sovralimentata per mezzo di una bombola di protossido d'azoto, il cuore monocilindrico 2T della Mito così rivisto e corretto è in grado di erogare un picco di potenza massima pari a 90 CV, spalmato su un peso a secco di soli 100 kg.

Un risultato che ha dell'incredibile anche se a stupire sono tutti gli elementi che vanno a comporre la ciclistica: l'elemento che spicca ad una prima rapida occhiata è indubbiamente il monobraccio di derivazione MV Agusta F4 sul quale è installato un bellissimo cerchio Marchesini da 17" dorato, ma a ben guardare fanno davvero impressione tutte le "citazioni": dall MV Agusta Brutale, alla Yamaha YZF R1 1998, passando per Yamaha R6 2006 Aprilia RSV 1000, Suzuki GSX R 600 K6, Ducati 998, Ducati 916, Ducati Hypermotard, Kawasaki ZX-6R , Honda CBR1000RR...

Tra le chicche si fanno segnalare la forcella Marzocchi da 50 mm, i dischi anteriori flottanti light Discacciati, la pompa freno anteriore radiale da PR19 Discacciati, l'ammortizzatore racing regolabile Ohlins, il kit piastre forcella ricavate dal pieno Andreani group, ma anche il tromboncino Arrow Titanium pro racing abbinato alla pancia Jolly Moto.

Tra gli elementi "da Salone" il televisore Clarion con casse della Trust incassate sotto il serbatoio, indispensabile per attirare maggiormente l'attenzione nelle manifestazioni alle quali la Mito Scorpion Performance ha partecipato (2°al Padova Bike Expo Show lo scorso anno) e parteciperà.

Complimenti a Simone Barbagallo pa la sua realizzazione: se li merita davvero.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top