Special e Elaborazioni

pubblicato il 20 agosto 2009

Honda CBR 1000 RR Playboy Replica

La francese AD Koncept propone dedica una "Blade" al Team LCR

Honda CBR 1000 RR Playboy Replica
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 1
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 2
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 3
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 4
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 5
  • Honda CBR 1000 RR Playboy Replica by Ad Koncept - anteprima 6

Non poteva che arrivare da una azienda francese specializzata in grafiche e personalizzazioni motociclistiche, la AD Koncept, una curiosa replica della RC 212 V del team Honda LCR su base CBR 1000 RR Fireblade: con un pilota francese di tutto rispetto come De Puniet ed un team che ha sede in un ritaglio di terra francese, d'altro canto, non poteva che essere così...

Nazionalismo a parte, bisogna ammettere come la Replica sia davvero ben fatta e non si limiti ad una scarna personalizzazione delle carene, ma vada leggermente più a fondo, comprendendo anche alcuni dettagli tecnici che impreziosiscono un prodotto già di per sé tra i migliori della categoria.

Telaio, motore e forcellone originali rimangono al loro posto, mentre davanti i tecnici francesi hanno scelto di mettere da parte la forcella Showa a steli rovesciati da 43 mm per fare posto ad una più performante Ohlins dello stesso diametro, dotata di piedini predisposti per pinze ad attacco radiali. Pinze che puntualmente si sono presentate nella massima espressione dei prodotti racing Brembo, le monoblocco a quattro pistoncini: comandate dalla pompa radiale Brembo, sono pronte a mordere dischi prodotti dalla stessa azienda lombarda imbrigliati su di una raffinatissima campana ricavata dal pieno.

Nonostante il mantenimento del doppio braccio standard, la sospensione posteriore dovrebbe assicurare una miglior performance grazie all'adozione di un ammortizzatore Ohlins pluriregolabile.

Completamente rivisto anche l'impianto di scarico, sostituito da un nuovo sistema Leovince, ma anche numerosi dettagli di minore importanza ma indispensabili per una customizzazione a regola d'arte: leve freno, contrappesi sui semimanubri, protezioni in carbonio, pedane, protezione delle leve (De Puniet è stato il primo a provarle in MotoGP) sono quasi tutti prodotti a marchio Rizoma.

In tanto ben di Dio la cosa che lascia un po' perplessi è il mantenimento dei cerchi a tre razze originali: un set di ruote in carbonio OZ Wheels non sarebbe stato certamente di troppo. Se vi dovesse piacere cosi com'è sappiate che basta una telefonata alla AD Koncept ed un assegno da 28.790 euro, il quale comprende anche il costo della moto nuova.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top