Sport

pubblicato il 4 agosto 2009

MX1: Yamaha lascia, Cairoli a piedi...

Dopo 15 anni Yamaha anche il Team De Carli cerca nuovi partner

MX1: Yamaha lascia, Cairoli a piedi...
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 1
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 2
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 3
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 4
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 5
  • MX1, Yamaha, Toni Cairoli - anteprima 6

La notizia era nell'aria da tempo ma ora, purtroppo, c'è tanto di conferma ufficiale: Yamaha, infatti, ha annunciato per mezzo di un comunicato stampa l’interruzione del rapporto di collaborazione con Toni Cairoli e Claudio De Carli, titolare del Team per cui l'italiano corre, per l’anno 2010.

"Yamaha Motor Europe e Yamaha Motor Italia - riporta il comunicato stampa - annunciano congiuntamente che il rapporto di collaborazione con il rider Antonio Cairoli ed il Yamaha Red Bull De Carli Team, attuali leader del Campionato Mondiale Motocross MX1, non continuerà per la stagione 2010. Yamaha continuerà ad offrire il massimo supporto per la restante parte della stagione 2009 con l’obiettivo di concludere con successo una stagione che sta vedendo il debuttante Cairoli e la sua YZ450F protagonisti assoluti del Mondiale MX1."

"Yamaha esprime i propri ringraziamenti a Claudio De Carli, il suo team e Antonio Cairoli per l’eccellente lavoro svolto negli anni e per i successi raggiunti - non solo a livello di Campionato Mondiale ma anche nell’European Supercross e nelle competizioni italiane - che rimarranno per sempre una parte importante della storia di Yamaha Racing."

Tralasciando ogni commento sul ritiro delle moto ufficiali Yamaha dal Mondiale, rimane l'amaro in bocca per la così improvvisa conclusione del rapporto tra la Casa nipponica ed il Team De Carli, dato che il numero di stagioni passate assieme sale quest'anno a 15. Discorso analogo per il siciliano Cairoli: la sua riconferma come pilota ufficiale, visti i risultati di primo piano, era scontata.

Per lui ed il Team De Carli, in ogni caso, non sarà certamente impossibile trovare velocemente un nuovo futuro, nonostante il periodo di crisi. Cairoli, in particolare, sembrerebbe essere nel mirino di KTM e Suzuki: in particolar modo per quanto concerne le moto arancioni di Mattinghofen, Toni ritroverebbe anche lo sponsor Red Bull ma soprattutto una moto vincente. Scomodo il compagno di squadra, Nagi, ma il polso destro di Cairoli non deve davvero temere rivali.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top