Novità

pubblicato il 31 luglio 2009

Pirelli Scorpion Trail: missione enduro

Performance a 360° e confort da sport touring

Pirelli Scorpion Trail: missione enduro
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Pirelli Scorpion Trail - anteprima 1
  • Pirelli Scorpion Trail - anteprima 2
  • Pirelli Scorpion Trail - anteprima 3
  • Pirelli Scorpion Trail - anteprima 4
  • Pirelli Scorpion Trail - anteprima 5

Il grande successo delle enduro stradali, quali BMW R 1200 GS, Moto Guzzi Stelvio o Moto Morini Granpasso, sta generando grande attenzione da parte dei costruttori di pneumatici di questo segmento. L'evoluzione tecnologica viaggia di pari passo in termini di ciclistiche e di potenze dei propulsori, tanto che dopo aver oltrepassato di slancio la barriera dei 100 CV ci si sta apprestando ad affrontare quella dei 10 cavalli più in alto.

Potenze che richiedono un notevole sforzo da parte degli pneumatici, che da un lato devono saper assecondare le esigenze di un enduro leggero e dall'altro assicurare grande performance e resa kilometrica sulle strade di tutti i giorni, passando da sparate di centinaia di km in autostrada allo stress di buche e marciapiedi della città.
Tra le aziende più avanti in tema di sviluppo riguardo questa tipologia di pneumatico vi è certamente Pirelli, che su Scorpion Trail ha trasferito il massimo del suo know how in termini di handling, trazione nel fuoristrada, stabilità alle alte velocità e confort, ottenendo una gomma in cui la connotazione estetica tassellata tipica dell’enduro si fonde con quella degli pneumatici supersport.

Scorpion Trail, infatti, è il primo prodotto del suo genere nel quale il disegno battistrada si ripete per sole quattro volte nel giro completo a tutto vantaggio degli standard di confort, che sono - secondo i tecnici Pirelli - del tutto paragonabili a quelli di pneumatici stradali-touring, in termini di rumorosità e di vibrazioni. Trasferendo nel mondo dell'enduro l'idea della doppia area di utilizzo delle gomme Supersport, dove vengono utilizzate mescole più stradali al centro e più racing ai lati, gli ingegneri della azienda lombarda hanno messo a punto per Scorpion Trail differenti aree d'appoggio, combinando una zona centrale quasi slick a lunghe incisioni laterali, che permettono il drenaggio facendo defluire velocemente l'acqua verso l'esterno.

Per quanto concerne l'offroad, la traccia a V di Scorpion Trail deriva da uno degli elementi vincenti delle Scorpion MX vincitrice nel Campionato Mondiale, dove il design dei tasselli è proprio a V per garantire trazione e stabilità in frenata.

Oltre al disegno del battistrada, elemento fondamentale per questa tipologia di pneumatici, in Pirelli non potevano certamente non studiare attentamente le mescole. Le coperture, infatti, sono caratterizzate da una diversa composizione di polimeri, nero-fumo e resine, che lavorano in sinergia per assicurare il massimo grip: giusto per fare qualche numero, segnaliamo che la mescola della gomma posteriore è composta per il 70% da silice, in modo da assicurare una rapida entrata in temperatura e maggiori performance sui terreni più scivolosi.

MISURE ANTERIORI
100/90 - 18 M/C 56P TL
100/90 - 19 M/C 57H TL
100/90 - 19 M/C 57S
110/80 R 19 M/C 59V TL
90/90 - 21 M/C 54H TL
90/90 - 21 M/C 54S
90/90 - 21 M/C 54V TL

MISURE POSTERIORI
120/90 - 17 M/C 64S
130/80 - 17 M/C 65P TL
130/80 - 17 M/C 65S
130/80 R 17 M/C 65H TL
140/80 R 17 M/C 69H TL
150/70 R 17 M/C 69V TL

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top