Sport

pubblicato il 27 luglio 2009

WSBK 2009: Haga ancora in testa dopo Brno ma...

Ben Spies è a soli 7 punti. Ce la farà a perdere anche questo Mondiale?

WSBK 2009: Haga ancora in testa dopo Brno ma...
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 1
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 2
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 3
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 4
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 5
  • WSBK 2009, Brno, Team Ducati Xerox - anteprima 6

I pochi ma importanti punti ottenuti nella corsa di ieri, danno la possibilità ad Haga di mantenere la testa della classifica generale con 7 punti di vantaggio: 326 contro i 319 di Spies. Fabrizio è sempre terzo con 273 punti e Ducati rimane leader della classifica costruttori con 50 punti di vantaggio su Yamaha. Tutto bello, tutto bene, se non fosse che, con ogni probabilità, questi non sono i risultati che i vertici della Rossa si aspettavano dalla coppia Haga-Fabrizio in sella alla 1098 R ufficiale: certo, è vero che Haga era "tutto rotto" e Fabrizio dopo Monza ha iniziato a correre molto bene, ma è anche vero che nella parte centrale della stagione Spies e la sua Yamaha R1 2009 hanno raccolto corsa dopo corsa punti importanti e tutti sanno bene che, se non fosse stato per la caduta provocata da Fabrizio in gara 1, ora Haga non sarebbe in testa alla classifica con 7 punti di vantaggio ma secondo con 18 di ritardo dal texano numero 19.

Fortunatamente per Nori la prima delle ultime quattro gare stagionali, al Nurburgring, è fissata per i primi di settembre. C'è tutto il tempo necessario per recuperare la forma fisica e mentale: i precedenti di mondiali dominati e persi nelle ultime corse, purtroppo per lui, non sono dalla sua parte, ma siamo certi che quest'anno Nori farà di tutto per sfatare quello che ormai sembra essere il leit motiv di una carriera comunque eccezionale.

"Non sono molto contento - afferma Haga - avrei voluto essere in forma, ma abbiamo lavorato bene questo weekend. La scapola fratturata non mi ha permesso di fare più di tanto. Detto questo, ho portato a casa punti preziosi e siamo sempre in testa alla classifica, con sette punti di vantaggio. Voglio ringraziare il Dottor Corbascio, i medici della Clinica Mobile e anche Rok, il mio preparatore, per il loro aiuto e supporto in queste settimane. Ringrazio la mia squadra e Ducati per tutto quello che hanno fatto per me, hanno cercato in tutti i modi di farmi rendere al massimo sulla moto, facilitandomi nella guida e sostenendomi moralmente e fisicamente. Adesso tornerò in Giappone con il sorriso sulle labbra, e durante il prossimo mese mi allenerò molto per tornare in forma prima del Nurburgring, un circuito che mi piace molto e dove spero di poter di nuovo lottare per la vittoria e aumentare il mio vantaggio in classifica."

"Devo stare più calmo - dichiara Fabrizio - ho sbagliato io in Gara 1 e purtroppo ho causato anche la caduta di Ben. Nei giri precedenti al contatto vedevo che staccava un po’ presto in quel punto della pista, per cui sono arrivato lì, pensando di poterlo sorpassare. Mi dispiace molto perché ci stiamo giocando il titolo mondiale. Abbiamo comunque recuperato in Gara 2, Ben più di me. Ho fatto di tutto per rimanere vicino a Ben e Max ma oggi erano più veloci di me. Mi ha impressionato quanto sia veloce l’Aprilia visto che è ancora in fase di sviluppo! Comunque rimango in terza posizione in classifica e dopo le vacanze ricominceremo a lottare nelle quattro gare che rimangono."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top