Sport

pubblicato il 27 luglio 2009

MotoGP 2009: 11 punti preziosi per Rossi a Donington

Lorenzo cade e Valentino prende il largo in campionato

MotoGP 2009: 11 punti preziosi per Rossi a Donington
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Donington, Fiat Yamaha Team - anteprima 6

Donington 2009 non è stata certamente una corsa da incorniciare per il Fiat Yamaha Team. Nonostante gli ottimi piazzamenti in qualifica, infatti, con Rossi primo e Lorenzo terzo, sono stati solamente 11 i punti raccolti dalle due ufficiali, con uno 0 tondo tondo per Jorge ed un quinto posto sudato - ma meritato - per Valentino Rossi, che è caduto alla "S" cercando di tenere l'irrestitibile passo della Honda di Dovizioso (poi vincitore) per poi tuffarsi in una delle sue eccezionali rimonte che gli ha permesso comunque di prendere vantaggio in campionato sul compagno di team numero 99 e su di un Casey Stoner vittima di una folle scelta di gomme al via.

Poteva certamente andare meglio ma poteva anche andare peggio, insomma, per Rossi...il quale ora si ritrova con la ipotetica possibilità di saltare una corsa e ritrovarsi comunque in testa al campionato anche a fronte di una vittoria di Lorenzo, distanziato di 25 punti in classifica. Inizia a farsi importante anche il distacco della prima delle Ducati, la numero 27, a due corse di distacco: 50 punti.

"Quando Jorge è caduto stavo correndo per vincere - ha dichiarato Valentino Rossi - come è nel mio stile. Forse avrei dovuto lasciar passare Andrea Dovizioso, ma era difficile giudicare in condizioni così estreme. Correndo sull'acqua con gomme slick è sempre rischioso e nelle curve verso sinistra avevo problemi, ed infatti sono caduto. Poi ho fatto una grande rimonta, ho deciso di rimanere con gomme slick e il risultato sono stati 11 punti, che sono come oro a questo punto della stagione."

Bellissima, sino al momento della disastrosa caduta, la corsa di Lorenzo. Difficile capire se Jorge volesse collaudare per l'ennesima volta l'efficacia dell'airbag Dainese inserito nella sua tuta, ma la complessa situazione di mercato sta evidentemente minando la sua fragile tranquillità e di conseguenza i risultati, che gli servirebbero per poter esercitare potere contrattuale con Yamaha. Di certo c'è che lo spagnolo è in trattativa con i "tre diapason" e con Honda per una moto ufficiale in un team privato, forse guidato da Giampiero Sacchi attualmente Responsabile delle attività sportive del Gruppo Piaggio, ma per avanzare pretese bisognerebbe prima dimostrare qualcosa in più.

"Ho fatto una buona partenza - afferma Jorge Lorenzo - e dei buoni primi giri. Sfortunatamente nella curva finale del nono giro ho fatto un piccolo errore, e toccando la linea bianca sono caduto. Ovviamente sono dispiaciuto, ma sono cose che succedono quando si corre. Valentino è stato fortunato ed è potuto tornare in sella alla M1, per noi non era giornata."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top