Sport

pubblicato il 25 luglio 2009

WSBK 2009, Brno, Superpole: alieno Spies

Il texano impara la pista alla svelta e bastona tutti ancora una volta

WSBK 2009, Brno, Superpole: alieno Spies
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 1
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 2
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 3
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 4
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 5
  • Superbike 2009 - Brno - anteprima 6

Diciamo la verità, a parte una sostanziosa parte dello schieramento formata da team privati, i piloti in sella alle moto ufficiali dovrebbero farsi uno scrupoloso esame di coscienza: "Ho dato davvero tutto oggi? Sono davvero il manico che da anni dico di essere? Valgo i soldi che mi pagano per correre? I problemi che di volta in volta dico di avere sulla messa a punto sono veri o solo nella mia testa?". Ipotizziamo siano queste le domande che frullano nella testa di alcuni piloti, ma forse qualcuno, in cuor suo, candidamente ammette: "Spies è un alieno e batterlo sembra impossibile".

Ha usato le prove libere e le prove cronometrate per studiare il circuito e mettere a punto la sua R1, stando comunque sempre nelle prime posizioni, a ridosso di Biaggi e Fabrizio, i più in palla qui a Brno. Poi, quando sono cominciate le tre sessioni cronometrate, ha switchato il cervello in "modalità superpole on" e non ce n’è più stato per nessuno!

Larghe, strette, lunghe, corte, veloci, lente… non c’è circuito che "Texas Terror" non impari alla svelta e non sappia interpretare da maestro. Testa in carena, gomiti larghi, corpo all’interno, e la sua R1 vola come nessun’altra moto in pista.

Spies a parte la superpole ha regalato come sempre emozioni. Dal primo run sono usciti subito le Honda di Haslam, Kiyonari e Hopkins, e la Kawasaki di Parkes, finito nella via di fuga per una scivolata.

Il secondo run ha lasciato fuori per poco Lanzi con la Ducati del team DFX, Checa con la Fireblade Ten Kate e Tamada con la ZX-10R ufficiale. Peccato per la caduta dell’idolo di casa Smrz, rientrato in fretta e furia con la seconda moto non è riuscito a ritrovare il feeling ed è rimasto in 12^ posizione.

Anche Kagayama, Haga e Nakano, rispettivamente con Suzuki, Ducati e Aprilia, hanno concluso le prove al secondo run, ma per il pilota in sella alla 1098R ufficiale c’è l’attenuante della clavicola dolorante. Positiva invece la performance del francese Lagrive con la Honda del team italiano Althea, fuori dal run finale ma comunque 16° in griglia.

La sessione finale della superpole fa scorrere l’adrenalina a fiumi. Bene, benissimo finalmente le Bmw. Corser e Xaus con gli ultimi aggiornamenti a elettronica e motore possono contare su una S1000RR molto più performante e fanno valere le loro doti di piloti velocissimi. L’australiano è sesto e lo spagnolo settimo, staccati tra loro di appena mezzo decimo.

Nelle prime posizioni intanto si avvicendano al comando i soliti noti, Biaggi, Fabrizio e Spies, con incursioni di Rea e dello stesso Corser. Alla fine con un giro da manuale la spunta il texano che scende sotto l’1’59" insieme a Fabrizio mentre il top rider dell’Aprilia ci si avvicina soltanto facendo registrare un ottimo 1’59"055.

Domani saranno due gare al cardiopalma su une delle più belle piste del mondiale. Se andate al mare vi consigliamo di registrarle!

WSBK 2009, Brno, Superpole - 25/07/2009
1 - 19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 1'58.868
2 - 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 1'58.950
3 - 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 1'59.055
4 - 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 1'59.740
5 - 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 1'59.787
6 - 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 2'00.046
7 - 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 2'00.096
8 - 66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 2'00.240
9 - 57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 1'59.730
10 - 7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 1'59.748
11 - 100 Tamada M. (JPN) Kawasaki ZX 10R 1'59.873
12 - 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 2'00.159
13 - 71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 2'00.223
14 - 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 2'00.235
15 - 56 Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 Factory 2'00.262
16 - 14 Lagrive M. (FRA) Honda CBR1000RR 2'00.498
17 - 91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 2'00.718
18 - 9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 2'00.811
19 - 23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 2'03.819
20 - 121 Hopkins J. (USA) Honda CBR1000RR 2'14.727
21 - 10 Nieto F. (ESP) Ducati 1098R 2'01.510
22 - 25 Salom D. (ESP) Kawasaki ZX 10R 2'01.643
23 - 99 Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 2'01.816
24 - 77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 2'02.346
25 - 53 Polita A. (ITA) Suzuki GSX-R 1000 K9 2'02.718
26 - 94 Checa D. (ESP) Yamaha YZF R1 2'02.785
27 - 88 Resch R. (AUT) Suzuki GSX-R 1000 K9 2'04.041
28 - 51 Cihak M. (CZE) Suzuki GSX-R 1000 K9 2'04.905

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top