Sport

pubblicato il 24 luglio 2009

MotoGP 2009, Donington: Casey Stoner fiducioso

Il cangurino spera di tornare al vertice in UK. Hayden sotto esame

MotoGP 2009, Donington: Casey Stoner fiducioso
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Team Ducati - anteprima 6

Paradossale, come al solito, la Ducati Desmosedici GP9 è stata la moto che più ha migliorato la performance dei suoi piloti nel corso delle ultime corse. Il problema è che a migliorare sono state le prestazioni "degli altri" e non quella di Casey Stoner, anche se a discolpa della V4 disegnata da Filippo Preziosi bisogna dire che questa volta ad essere assente ingiustificato è l'uomo del Mondiale 2007, alle prese con problemi fisici comunque sulla via della guarigione.

"Al Sachsenring abbiamo fatto il massimo - dichiara Casey Stoner - di quello che si poteva fare e adesso aspetto la prossima gara a Donington più fiducioso. La cosa migliore per noi sarebbe trovare un clima ed una temperatura simili a quelle che abbiamo trovato in Germania, perchè penso che quelle siano state condizioni che hanno giocato a mio favore, così come la pista, con alcune belle curve lunghe dove riuscivo a rilassarmi un po’ in sella. Sarei proprio contento se Donington mi regalasse un altro week-end con temperature accettabili. La pista non è mai stata una delle mie preferite ma vi ho ottenuto dei buoni risultati. La prima parte è davvero impegnativa, giù lungo la sezione delle curve Craner, e poi su verso l’Old Hairpin… ma in realtà è la parte più lenta quella dove puoi fare più sorpassi. La moto in queste ultime gare è andata davvero bene, anche se un po’ più di trazione ci farebbe comodo. Non ci resta che aspettare e vedere come si mettono le cose, e in ogni caso, cercare di portare a casa più punti possibile."

"A Donington non ho mai ottenuto risultati eccezionali - afferma Nicky Hayden - ma non vedo l’ora che arrivi il momento di tornare in pista perché non sono soddisfatto di come è andata l’ultima gara dopo le prove molto positive che avevamo fatto. La mia moto è molto stabile in frenata, una cosa che dovrebbe essere molto redditizia su questa pista. E’ da un po’ che le cose vanno sempre meglio, mi diverto, la scorsa settimana per la prima volta sono stato a lungo davanti in prova e vedere che il "P 1" continuava a non cambiare sulla mia lavagna mi ha dato una bella carica. Vedremo che tempo troveremo perché a Donington puoi aspettarti di tutto e le condizioni della pista sono condizionate parecchio da quelle atmosferiche."

"Abbiamo ottimi ricordi a Donington - afferma Livio Suppo, Direttore del Progetto MotoGP - e ci dispiace un po’ che sia l’ultima volta in cui correremo in questo bellissimo circuito. La GP9 ha fatto degli ottimi progressi a partire soprattutto da Barcellona, e adesso speriamo che si possa iniziare a raccogliere i frutti di questo lavoro, visto che le ultime gare sono state un po’ con alti e bassi. Di positivo sicuramente un netto miglioramento delle prestazioni di Nicky ed il fatto che Casey sia riuscito a limitare i danni in condizioni fisiche non ottimali, di negativo che non saliamo sul podio da due gare e che Nicky ha raccolto molto meno di quanto avrebbe potuto in Germania, viste le ottime prove che aveva disputato."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top