Attualità e Mercato

pubblicato il 22 luglio 2009

La BMW R1200GS è la seconda moto più venduta

3.146 esemplari venduti in Italia da gennaio a giugno 2009

La BMW R1200GS è la seconda moto più venduta
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 1
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 2
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 3
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 4
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 5
  • BMW R 1200 GS vendite record in Italia - anteprima 6

Estate, tempo di vacanze in moto, i primi 6 mesi del 2009 sono passati e agosto vedrà tanti motociclisti in giro per l’Italia e per l’Europa. Di questi, una bella fetta sarà in sella a moto Bmw, da sempre amatissime da chi fa mototurismo, e di tutte queste Bmw una percentuale considerevole saranno GS! Vecchie o nuove, accessoriate o di serie, le maxienduro bavaresi sono un vero "must" per chi macina chilometri e chilometri, anche con passeggero e set di valigie al seguito!

Del resto non potrebbe essere diversamente perché l’amore dell’Italia per la "Gelande Strasse" sembra proprio non conoscere crisi. Nella classifica delle vendite di questi primi 6 mesi sono state immatricolate 3.146 R1200GS, di cui 2.173 modelli standard e ben 973 esemplari della versione Adventure. La classifica parla chiaro, sono numeri da best-seller.

Davanti all’endurona tedesca c’è solo la Kawasaki Z750, venduta in 3.269 unità: solo 123 moto in più! Al terzo posto, staccata di ben 647 esemplari, troviamo un’altra naked di media cilindrata, la Honda Hornet. "Beh", direte voi, "che c’è di strano? Agli italiani piacciono le Bmw". In effetti non è poi così strano che una moto tuttofare, comoda e potente piaccia ai motociclisti nostrani.

L’elemento che fa strabuzzare gli occhi è la differenza di prezzo con le altre moto del "podio": la R1200GS standard, nuda e cruda, senza optional, costa 14.150 Euro, che diventano 15.300 per la ricca Adventure. La Z750 ha un prezzo di listino 7.390 Euro e per una Hornet occorrono 7.590 Euro. Metteteci poi che qualsiasi concessionario Kawasaki o Honda fa senza problemi un po’ di sconto ed ecco il quadro della situazione: con il prezzo di una "GS" vi portate a casa due naked!

È una considerazione un po’ semplicistica, certo, sono moto completamente diverse, con attitudini diverse e un pubblico diverso, ma vedere una moto da oltre 14mila Euro in cima alla classifica delle vendite fa un certo effetto.

La "GS", come la chiamano tutti senza anteporre la sigla della serie e della cilindrata, è una moto completa, divertente, dai consumi contenuti e… molto alla moda. Non ci prendiamo in giro, tanta gente la compra senza nemmeno sapere cosa offra la concorrenza! Il classico acquisto a "scatola chiusa", o meglio, basato sul blasone del marchio e la fama del modello.

Intendiamoci, si tratta di fiducia ben riposta e il marketing Bmw, ma anche gli elegantissimi concessionari ufficiali, sono bravissimi a far sentire il cliente un re. Perché una moto non si vende solo per le sue qualità, c’è l’immagine, il servizio post-vendita, la garanzia, la disponibilità di ricambi e tutti i servizi collegati all’utilizzo che se ne farà successivamente.

Pochi altri marchi riescono a far sentire i clienti parte di una famiglia. Essere "bmwisti", come "ducatisti" o "harleysti", ha a che fare con un senso di appartenenza che le tutte le altre Case, per quanto producano bellissime ed efficientissime moto, non riescono a trasmettere.

E chi lo sa, con l’idea delle vacanze in moto i dati di vendita aggiornati a luglio ci potrebbero far trovare la sorpresa della "GS" in testa alla classifica. Italiani, popolo di santi, navigatori, poeti e… "GSisti"!

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Attualità e Mercato


Top