Novità

pubblicato il 25 settembre 2009

Aprilia RSV4 R

Non chiamatela "base". In concessionaria a 16.000 euro

Aprilia RSV4 R
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 1
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 2
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 3
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 4
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 5
  • Aprilia RSV4 R - anteprima 6

Aprilia RSV4 da oggi non farà rima solamente con "Factory". La nuova Aprilia RSV4 R, versione "economica" della sorella da 20.000 euro già in vendita, riserva nuovi ed interessanti spunti di discussione, basati sulla dotazione tecnica che, inevitabilmente, la rende più povera dell'allestimento Factory, e sul prezzo: 16.000 euro.

Con una Yamaha R1 2009 il cui listino è andato alle stelle (16.990 Euro!) ed una Ducati 1198 come al solito irraggiungibile (17.990 Euro il prezzo della standard), Aprilia potrebbe davvero fare numeri importanti con un listino di questo genere, anche in considerazione del fatto che le uniche vere news del 2010 saranno la Kawasaki ZX-10 R (la quale difficilmente manterrà l'interessantissimo prezzo di 13.990 euro della attuale versione) e la BMW S 1000 RR.

Insomma per la Casa di Noale la prossima stagione potrebbe essere davvero importante nel segmento delle ipersportive: fondamentale sarà non sbagliare per l'ennesima volta il "time to market" e non impoverire troppo un prodotto che ha saputo crearsi un'ottima reputazione tra gli appassionati. I primi passi sono, in ogni caso, quelli giusti: rispetto alla factorynon cambia l'estetica, telaio e forcellone rimangono gli stessi, così come il disegno dello scarico. Spariti - come era lecito aspettarsi - molti elementi che saranno disponibili in una cassetta d'upgrade optional: la forcella e l'ammortizzatore Ohlins, i cerchi in lega forgiati, i particolari in carbonio e i cornetti d'aspirazione ad altezza variabile. I CV del quattro cilindri a V di 65° sono 180, ma con una diversa erogazione, mentre il peso è di 184 kg a secco (senza batteria e liquidi).

Se ne vanno anche i carter motore fusi in terra, elemento che comunque caratterizza solamente i primi 150 esemplari Factory, mentre rimane la tripla mappatura dell'acceleratore Ride by Wire, la quale prevede la possibilità di implementare un controllo di trazione nel prossimo futuro. Si tratta di una feature che i tecnici Aprilia già utilizzano con successo in SBK sulle moto di Biaggi e Nakano, ma che non arriverà prima del sistema ABS, che Aprilia vuole introdurre a brevissimo anche sulla supersportiva. Il sistema è sostanzialmente simile a quello già visto su Shiver e Mana, anche se con caratteristiche decisamente più estreme: non sarà, dunque, una sorta di Brake by Wire come il C-ABS delle Honda CBR. Il comparto sospensioni è totalmente regolabile, i freni Brembo hanno pinze monoblocco e attacco pinza radiale, le ruote sono realizzate in alluminio.

Autore: Emiliano Perucca Orfei

Tag: Novità


Top