Sport

pubblicato il 17 luglio 2009

WSBK 2009, Imola, Test Day 2: acuto di Rea

Fabrizio secondo, terzo Spies. Pallida Aprilia, ok BMW

WSBK 2009, Imola, Test Day 2: acuto di Rea
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 1
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 2
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 3
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 4
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 5
  • WSBK 2009, Imola, Test Day 2 - anteprima 6

Il caldo è stato il vero protagonista della seconda ed ultima giornata di test ufficiali WSBK 2009 sul circuito di Imola. Il miglior tempo di giornata è stato firmato da Rea, Honda Ten Kate, che ha fermato il cronometro sul 1'48.670 beffando l'italiano Fabrizio, in testa alla fine di tutte le sessioni, utilizzando un pneumatico da qualifica. Terzo posto per Spies, a digiuno della pista romagnola, quarto per un Lanzi in piena forma: il suo tempo è a meno di mezzo secondo dalla Ducati ufficiale in seconda posizione e questo lascia ben sperare per il proseguio della stagione.

Buon piazzamento anche per Sykes: l'inglese non ha ancora il passo del caposquadra, ma sta lentamente crescendo al pari di un Hopkins, sesto con la Honda di Stiggy, che mostra finalmente di essere un ex-pilota del giro MotoGP. Si conferma, dopo la buona prestazione di mercoledì, anche la BMW di Xaus, mentre la Aprilia sembra essere un po' indietro su questa pista: decimo Nakano, quattordicesimo Biaggi. Si può e si deve fare di più ed a Noale lo sanno bene.

Rientro sfortunato, invece, per Neukirchner: il pilota tedesco della Suzuki è caduto alla curva del Tamburello. Trasportato all'ospedale gli è stata riscontrata la frattura dell'ultima vertebra dorsale. Da stabilire i tempi di recupero, sicuramente salterà la gara di Brno del 26 luglio.

"Sia oggi che ieri - ha dichirato Fabrizio, Ducati - abbiamo lavorato molto bene, malgrado il caldo eccessivo. Tutto sommato sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto. Come programmato ieri sera, oggi ho provato le tre nuove gomme anteriori e posteriori e tutte mi sono sembrate molto buone. Nel pomeriggio abbiamo fatto delle modifiche al set-up, montando una nuova forcella, ma purtroppo questa non mi ha dato il feeling giusto e sono tornato alla mia forcella di sempre. Sono certamente felice di essere stato uno dei due più veloci in pista ma adesso devo replicare questa prestazione durante i cinque weekend di gara che rimangono. Sono fiducioso per la prossima gara a Brno e anche per il futuro weekend di gara qui ad Imola."

"E’ stata una buona due giorni di test per me. - ha dichiarato Ben Spies, Yamaha - Non abbiamo girato con l’obiettivo di essere necessariamente i più veloci, ma di trovare le giuste soluzioni di assetto in modo da essere pronti per la gara di settembre. Ha fatto molto caldo e non è stato facile guidare per cui non vedo l’ora di tornare a casa e di rilassarmi un po’ prima di partire per Brno."

"E’ stata una lunga giornata di lavoro – ha dichiarato Biaggi, Aprilia – dove abbiamo provato diversi piccoli particolari cercando di capire se ciò che non eravamo riusciti a provare a Brno potesse funzionare qui. Abbiamo avuto riscontri molto chiari anche se non abbiamo trovato qualcosa che ci facesse essere veloci su questo traccciato dove abbiamo sofferto molto. Speravo di fare meglio, ma c’è ancora molto da lavorare anche in vista della gara della settimana prossima. Ho trovato la pista abbastanza pericolosa ed è la stessa sensazione che hanno anche molti dei miei colleghi, mancano degli standard di sicurezza che caratterizzano quasi tutti gli altri circuiti dove corriamo, oltre all’asfalto che è in pessime condizioni e pieno di buche."

"Questa mattina abbiamo provato diverse gomme – ha detto Nakano, Aprilia – trovando quella che si comporta meglio in previsione della gara di settembre, inoltre ho testato anche un pneumatico da qualifica con il quale ho ottenuto il mio miglior tempo. Nel pomeriggio abbiamo lavorato sulla ciclistica provando diversi assetti, ho avuto un piccolo problema tecnico e mi sono fermato lungo la pista. Purtroppo ci è voluta più di mezz’ora per rientrare al box e questo ci ha fatto perdere molto tempo utile. Comunque abbiamo portato a termine il lavoro programmato ed ora siamo pronti per la gara di Brno."

"Sono molto contento - ha dichiarato Lanzi, Ducati DFX - per questi test, una bella iniezione di fiducia per me e per la squadra dopo un periodo di difficoltà. Grazie al lavoro congiunto dei miei tecnici abbiamo testato diverse soluzioni di ciclistica trovando sulla moto un buon equilibrio generale. Forse avremmo dovuto giocarci le gomme da qualifica questa mattina, quando le temperature erano ancora umane, ma abbiamo preferito lavorare non tanto sulla prestazione finalizzata ad oggi ma nell’ottica di Brno, dove andremo a correre tra poco più di una settimana."

WSBK 2009, IMOLA, TEST DAY 2 - 16/07/2009
1 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 1'48.670
2 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 1'48.847
3 19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 1'49.262
4 57 Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R 1'49.309
5 66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 1'49.422
6 121 Hopkins J. (USA) Honda CBR1000RR 1'49.443
7 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 1'49.467
8 91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 1'49.555
9 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 1'49.577
10 56 Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 Factory 1'49.645
11 7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 1'49.736
12 9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 1'50.226
13 14 Lagrive M. (FRA) Honda CBR1000RR 1'50.265
14 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 1'50.310
15 100 Tamada M. (JPN) Kawasaki ZX 10R 1'50.414
16 10 Nieto F. (ESP) Ducati 1098R 1'50.423
17 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 1'50.486
18 71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'50.518
19 23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 1'50.583
20 53 Polita A. (ITA) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'50.743
21 76 Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'51.077
22 77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 1'52.547

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top