Novità

pubblicato il 15 luglio 2009

Vespa: le LX ed S 125/150 ora ad iniezione

Arriva l'iniezione elettronica sulle versioni più maneggevoli

Vespa: le LX ed S 125/150 ora ad iniezione
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 1
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 2
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 3
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 4
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 5
  • Vespa LX 125/150ie - Vespa S 125/150 ie - anteprima 6

Le versioni 125 e 150 cc di Vespa LX e Vespa S si arricchiscono dell’alimentazione a iniezione elettronica. Più rispettose dell’ambiente e parche nei consumi ora garantiscono anche un’erogazione più fluida.

Il gruppo Piaggio non smette di investire sui prodotti del suo brand più leggendario e con l’adozione dell’iniezione elettronica i robusti e affidabili propulsori 4T, con distribuzione a due valvole e raffreddamento ad aria che equipaggiano Vespa LX e Vespa S migliorano ulteriormente le loro performance, con valori di potenza e coppia più elevati raggiunti a un regime di giri più basso.

Grazie all’iniezione elettronica che gestisce in modo sempre ottimale la quantità di miscela aria/benzina immessa nella camera di scoppio, il motore monocilindrico riprende dai regimi più bassi con una progressione più regolare, una caratteristica che i tecnici Piaggio hanno messo a punto con particolare riguardo per tutti quegli utenti che usano quotidianamente la Vespa in città, con continue accelerazioni e ripartenze che caratterizzano i percorsi metropolitani. Allo stesso tempo si riducono ulteriormente i consumi e le emissioni inquinanti, proprio grazie all’ottimizzazione della carburazione di cui i sistemi di iniezione sono capaci.

Vespa LX, nella sua versione 2009, recupera i caratteri stilistici più classici di Vespa. Il faro tondo, lo scudo ampio e protettivo, la nuova sella più ampia e sagomata, le nuove cromature su specchietti e parafango, sono richiami alla storia dello scooter più famoso e diffuso al mondo.

Con Vespa S rivive invece il fascino del "Vespino" sportivo. L’estetica rigorosamente minimalista raccoglie un’eredità che rimanda direttamente a modelli mito degli anni ’70 come la 50 Special e la Vespa Primavera. Le linee sono pulite, essenziali, semplici ma eleganti e rievocano le linee che negli anni ’70 fecero di Vespa lo scooter preferito dai più giovani.

La carrozzeria funge come tradizione anche da telaio portante ed è interamente realizzata in acciaio a tutto vantaggio della solidità e della precisione di guida. La sospensione anteriore con ammortizzatore idraulico a doppio effetto si distingue per la bielletta laterale. Al posteriore c’è invece un monoammortizzatore idraulico a doppio effetto. La ruota anteriore è da 11 pollici, la posteriore da 10 pollici, e calzano pneumatici tubeless rispettivamente da 110/70 e 120/70. Il sistema frenante è composto dalla affidabile combinazione disco/tamburo.

Vespa LX è disponibile in sei colori: nero, bianco, grigio, rosso, arancio, blu e giallo, ad un prezzo di 3.350 Euro per la 125 cc e 3.550 Euro per la 150 cc. Entrambe le versioni possono usufruire dell’ecoincentivo statale di 500 Euro.

Vespa S è in vendita in quattro colorazioni: rosso, nero, bianco e arancio. I prezzi sono stati fissati in 3.500 euro per la 125 cc e 3.700 Euro perla 150 cc, e come per la versione LX si può accedere all’ecoincentivo di 500 Euro.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top