Sport

pubblicato il 10 luglio 2009

Bridgestone asimmetriche per Laguna Seca 2010

Combinazione di mescole speciali per dare più grip a destra

Bridgestone asimmetriche per Laguna Seca 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Laguna Seca - anteprima 6

Le motivazioni delle paurose cadute di Casey Stoner ed Jorge Lorenzo durante le qualifiche del Gran Premio di Laguna Seca sono legate a due elementi: la foga agonistica e l'incapacità delle mono-gomme fornite da Brigestone di adattarsi al percorso americano, caratterizzato da poche curve a destra e situazioni "estreme" in tema di altimetria.

"I dati sulla temperatura risalenti alla gara dello scorso anno ci avevano indicato una differenza minima di gradi tra il lato sinistro e quello destro, e abbiamo basato la nostra scelta proprio su questo fattore" ha spiegato Tohru Ubukata, responsabile dello sviluppo degli pneumatici della Casa nipponica.

"Le gomme si quest'anno - aggiunge il tecnico Bridegstone - sono disegnate con un ampio raggio di utilizzo rispetto al 2008, e abbiamo deciso per una mescola semplice per Laguna. Le previsioni sulle temperature sono state rispettate, e gli effetti del tracciato sulla gomma posteriore sono paragonabili a quelli di Mugello e Assen, dove eravamo presenti con gomme a mescola semplice."

"Rimango convinto - continua Ubukata - della scelta effettuate per questo fine settimana, ma come parte del nostro continuo sviluppo analizzeremo la possibilità di utilizzare una gomma asimmetrica a Laguna Seca nel 2010, perchè gli pneumatici sviluppano il loro miglior grip quando arrivano alla carica di peso adeguata, ma nelle curve 3 e 10 in particolare, i piloti avevano difficoltà ad appoggiare le posteriori perché le curve sono in discesa. In più ci sono meno curve a destra qui, e questo fa si che la parte destra della gomma si raffreddi in fretta."

Chi credeva che per Bridgestone fosse tutto facile, insomma, dovrà ricredersi: un ambiente competitivo come quello della MotoGP 2009 richiede ad ogni pilota, Casa motociclistica, fornitore, di essere sempre al top delle possibilità.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top