Sport

pubblicato il 6 luglio 2009

MotoGP 2009, 20 punti per Rossi a Laguna Seca

Il 2° posto gli permette di allungare su Lorenzo e Stoner

MotoGP 2009, 20 punti per Rossi a Laguna Seca
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Laguna Seca, Valentino Rossi - anteprima 6

Forse, che Dani avrebbe preso il largo così "facilmente", non se l'aspettava nemmeno lui. Valentino Rossi, però, può ritenersì decisamente soddisfatto dei punti portati a casa da Laguna Seca, perchè alla fin fine è riuscito ad allungare sui principali rivali in classifica (Lorenzo e Stoner) dimostrando al ducatista di essere ancora il Re del Cavatappi ed al compagno di squadra che con il solo manico si può vincere qualche gara, forse ti puoi ritrovare "magicamente" a lottare per il mondiale a metà campionato, ma si può anche rischiare di passare qualche notte in più all'ospedale...

Discorso diverso, data anche la vittoria, per Dani Pedrosa. Il distacco dell'hondista in classifica è ancora troppo ampio per preoccupare seriamente "46", il quale dopo aver giocato a far segnare gli stessi tempi per tutta la corsa al cronometro si è accorto che la HRC in testa perdeva metri su metri nel corso dei due ultimi giri. Se solo avesse azzardato qualcosa in più nelle ultime 4 tornate, probabilmente, il risultato della corsa sarebbe stato diverso...ma per come si era messa, il sorpasso all'ultima curva sarebbe stata una impossibile beffa.

"La prima metà del GP è stata piuttosto difficile - ha dichiarato dopogara Valentino Rossi - perché oggi non eravamo al cento per cento. Non mi aspettavo un Pedrosa così veloce. Non c’è stato molto che da fare per tenere il suo passo, all’inizio. Gli ultimi dieci giri sono stati emozionanti: Lorenzo spingeva talmente tanto alle mie spalle, da costringermi ad alzare il ritmo. Proprio allora Pedrosa ha rallentato, ed all’improvviso me lo sono trovato proprio davanti… Ho pensato ci fosse una possibilità di superarlo all’ultima curva. Però, sfortunatamente, ero appena appena troppo lontano, ed il rischio sarebbe stato notevole."

"Il secondo posto oggi mi va bene - aggiunge Rossi - perché non eravamo molto a posto. Nel setting mancava qualcosa, e questo è sempre un tracciato difficile. Insomma, dobbiamo essere felici di questi 20 punti. Abbiamo incrementato il vantaggio in classifica generale, che è buona cosa. In più, abbiamo dimostrato che quest’anno siamo forti anche quando non tutto è perfetto. Questa continuità è la cosa più importante, in prospettiva campionato. Sono contento che ci sia, adesso, modo di riposare un po’, perché si è trattato di due settimane intensissime, e le prossime due gare saranno estremamente importanti, visto che siamo tutti così vicini in classifica."

"Alla fine - dichiara Davide Brivio, Team Manager Yamaha box Rossi - penso si possa essere contenti del risultato complessivo: abbiamo mantenuto il comando del campionato e conquistato punti. Se consideriamo che non eravamo al cento per cento del potenziale, finire secondi è da ritenersi un bel risultato, e far bene anche quando non siamo in grado di attaccare è qualcosa di molto importante. Congratulazioni a Pedrosa: è bello vederlo di nuovo in forma. E congratulazioni soprattutto a Lorenzo, capace di una gara straordinaria in condizioni per lui difficili. E’ un campionato combattuto, ed emozionante: non vediamo l’ora di affrontare i prossimi GP."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top