Novità

pubblicato il 8 ottobre 2009

Honda VFR1200F 2010

Road-Sport da 172 CV, il nuovo concetto 'sport-touring' di Honda

Honda VFR1200F 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 1
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 2
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 3
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 4
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 5
  • Honda VFR1200F 2010 - anteprima 6

Prendete la VFR 800, immaginate la sua evoluzione e...dimenticatela! La Honda VFR1200F è una moto totalmente nuova, nella linea e nella tecnologia, interpretazione di un concetto che Honda definisce "road sport". La VFR1200F sfrutta soluzioni derivate dalle competizioni, adattate ed evolute secondo linee guida che fanno della versatilità il punto di forza di questa moto.

MELTIN' POT
A creare la nuova VFR è stato un team di ingegneri di altissimo livello: tre giapponesi, uno statunitense e un europeo. Il team, diretto dall’Ing.Kishi (autore, tra le altre, della CBR 1100 XX Blackbird) e con la supervisione di Mr. Hasegawa, ha lavorato per sfruttare al massimo esperienze e background culturale di ogni componente. Unico obiettivo: creare una moto sportiva che risultasse appagante anche nella guida sulle lunghe distanze.
Designer e ingegneri hanno lavorato in parallelo per realizzare la VFR 1200 F. Il designer europeo Teofilo Plaza ha descritto questi sei mesi di lavoro come l’esperienza più avvincente della sua già affermata carriera. Trovato l'accordo sulla base tecnica, sono passati altri venti mesi di collaudi e sviluppo per giungere al layout definitivo di tutto il veicolo.
La VFR 1200 F è stata pensata fin dall'inizio come una moto giapponese da ideare e commercializzare in Europa, permeata da due terzi di cultura nipponica in fase di progettazione. E' stata la funzionalità a determinarne la forma e non il contrario. La centralizzazione delle masse, un controllo totale da parte del pilota e l'efficienza aerodinamica hanno fornito le chiavi per la progettazione e la definizione della linea.
La stretta configurazione del motore V4 e la spaziatura fra i cilindri hanno permesso di ottenere una zona mediana particolarmente snella, migliorando così la facilità nel poggiare i piedi a terra in ogni circostanza. Ma anche serbatoio, carenatura e codone sono stati pensati con il preciso scopo di massimizzare l'ergonomia, il controllo e la protezione aerodinamica di pilota e passeggero.

LOOK "DOPPIO STRATO"
Il design, brevettato, della carenatura è definito "a doppio strato": l'aria che entra fra i due strati attraverso le aperture ovali ai lati della carenatura viene incanalata per rendere più stabile la moto alle andature elevate. In secondo luogo, la maggior velocità del flusso destinato al propulsore ne ottimizza il raffreddamento, aumentando di conseguenza anche la velocità di 'smaltimento' dell'aria calda per un maggiore comfort di marcia.
Il look anteriore si caratterizza per la marcata forma a X. Il nuovo potente gruppo ottico diffonde la luce attraverso due strisce a led ai lati del faro, generando maggiore luminosità e profondità del fascio di luce. Il compattissimo codone è rivolto verso l'alto, dinamico e leggero, e il gruppo ottico posteriore richiama il design del frontale.
Le innovative tecnologie di verniciatura sviluppate nell’impianto hi-tech di Kumamoto in Giappone hanno permesso di realizzare nuove tonalità cromatiche di elevata qualità e grande luminosità. La VFR 1200 F sarà disponibile nelle colorazioni 'Candy Prominence Red', 'Seal Silver Metallic' e 'Pearl Sunbeam White'.

SOUND AND FEELING
Honda ha puntato ad ottenere il suono e il feeling tipico dei propulsori V4 più sportivi, riponendo particolare attenzione verso la curva d'erogazione. La curva di coppia è concentrata dai bassi ai medi regimi per una guida brillante sui percorsi più tortuosi anche nelle marce alte.
Per rendere disponibile un'elevata potenza e garantire al contempo un comfort elevato, è stata posta molta attenzione al tasso di vibrazioni realizzando un particolare posizionamento dei cilindri: i due cilindri posteriori sono ravvicinati, mentre quelli anteriori risultano più distanti fra loro, così l’assenza di ogni squilibrio fra lato destro e sinistro ha reso inutile l'adozione di un contralbero.
I vantaggi di questa inedita configurazione asimmetrica dei cilindri sono completati dall’albero motore con i perni di biella sfalsati, che lavorano inclinati di 28°, riducendo efficacemente le forze del primo ordine e la rumorosità meccanica. Il nuovo V4 eroga oltre il 90% della coppia massima (129 Nm a 8.750 giri/min) a soli 4.000 giri/min e l'erogazione è resa più fluida da ben 4 parastrappi posti all’interno della trasmissione cardanica.

DISTRIBUZIONE MOTOCROSS!
L'ingombro delle testate è stato ridotto sfruttando la distribuzione monoalbero a camme in testa Unicam, già adottata normalmente dalle Honda CRF motocross. Deriva dalle CRF anche il sistema con carter sigillato, che riduce le perdite di pompaggio dovute al movimento dei pistoni ed alla densità dell’aria, contribuendo alla prontezza di risposta e alla riduzione dei consumi.
La trasmissione a cardano presenta il perno del forcellone disassato rispetto all’albero di trasmissione, per eliminare definitivamente il beccheggio intrinseco alle trasmissioni finali di questo tipo. C'è poi un giunto scorrevole che compensa ogni eventuale variazione di lunghezza nell’intero arco d’escursione della ruota posteriore e un ulteriore parastrappi sull'albero finale assorbe l’eventuale gioco. Honda afferma con fierezza che "se si guidasse bendati, nessuno direbbe mai che la VFR1200F monta un cardano!"

RBW MADE IN HONDA
Il comando del gas è di tipo "throttle-by-wire", a funzionamento elettronico, per una più efficiente alimentazione a tutti i regimi. E come sulle migliori sportive è presente la frizione antisaltellamento, derivata da quella usata sulla Fireblade.
L’intero complesso di scarico esalta il frazionamento del propulsore ed enfatizza la configurazione V4. Molto compatto, ha parte dei condotti su un lato, mentre i tubi di scarico provenienti dalla bancata posteriore sono posizionati sull'altro lato. In basso a destra, il silenziatore triangolare (con valvola parzializzatrice servoassistita) completa la linea della carenatura ed è progettato per per fornire il minimo ingombro in piega e non interferire con le pedane di pilota e passeggero.

SPORTIVAMENTE TURISTICA
Il robusto telaio "a diamante" a doppia trave in alluminio è rigido e leggero. Il forcellone è associato a un monoammortizzatore con Unit Pro-Link, regolabile nella frenatura idraulica in estensione. All'avantreno c'è una solida forcella rovesciata da 43 mm regolabile nel precarico.
Per quanto riguarda i freni la VFR1200F è equipaggiata con pinze anteriori a sei pistoncini che mordono dischi da 320 mm. Il disco posteriore è da 276 mm con pinza a 2 pistoncini.. Di serie è presente il C-ABS Honda.
La strumentazione è composta da un contagiri analogico centrale, con tachimetro digitale, circondato dal display LCD che fornisce informazioni su livello carburante, temperatura liquido refrigerante e consumi. Sono inoltre presenti l'orologio, l’indicatore della temperatura esterna e le spie dell'antifurto HISS e dell’ABS.
Per aumentare la versatilità della moto nel turismo, al posteriore la VFR1200F presenta di serie attacchi integrati per i bagagli. La particolare struttura consente di collocare e/o estrarre in un attimo le apposite borse laterali della moto (disponibili a richiesta), e non inficia la linea della moto.
La VFR1200F dispone di nuovi comandi ed interruttori al manubrio e di un'inedita disposizione che inverte la posizione del segnalatore acustico e degli indicatori di direzione, il cui interruttore ha una forma che si adatta idealmente al naturale movimento del pollice.

DIAMO I NUMERI
Inizialmente si pensava ad una 'super sport touring', piuttosto leggera per la sua categoria e fortemente votata alla guida sportiva. La definizione scelta da Honda è però 'road sport' e non è difficile intuire il motivo del cambio di "indole": il peso dichiarato in ordine di marcia è di 267 kg, inferiore a quello delle super-tourer a 4 cilindri di Bmw, Kawasaki e Yamaha, ma superiore alla massa di sport-touring come Bmw K1300S, Kawasaki ZZR 1400 e Suzuki Hayabusa.
Le misure geometriche della ciclistica prediligono la stabilità: interasse di 1.545 mm, inclinazione del cannotto di sterzo pari a 25°30', avancorsa di 101 mm. Il serbatoio ha una discreta capacità: 18,5 litri, ed è dichiarato un consumo medio, secondo la normativa WMTC (in vigore dal 2013), di 15,5 km/l.
La cilindrata è di 1.237 cc e la potenza massima tocca i 172,7 CV a 10.000 giri,! Niente male per una "road-sport"!

Il prezzo? Disponibile da gennaio 2010, la nuova VFR1200F costa 15.500 euro f.c. Molto vasta la gamma di accessori ufficiali.

Honda VFR1200F 2010: il motore

Honda VFR1200F 2010: il motore

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top