Sport

pubblicato il 30 giugno 2009

MotoGP 2009: 2° posto per Lorenzo ad Assen

100 vittorie per Rossi...e 50esimo podio per Jorge

MotoGP 2009: 2° posto per Lorenzo ad Assen
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Assen, Jorge Lorenzo - anteprima 6

Non che ce ne fosse bisogno, sia chiaro, ma Jorge Lorenzo ad Assen ha dimostrato una volta di più di essere un pilota nettamente migliorato rispetto al velocissimo "stuntman" visto in pista nel corso del 2008. In una delle piste in cui il compagno di squadra numero 46 ha una marcia in più, infatti, è riuscito a mantenere il sangue freddo e contenere i danni con un secondo posto che gli permette di mantenere entro i 5 punti il distacco dalla vetta in classifica allungando di 4 sul primo inseguitore, Stoner, vittima di problemi fisici che non gli hanno permesso di sfruttare il potenziale della D16 GP9.

Un Jorge molto diverso anche dal ragazzo spavaldo visto al termine del Mugello...forse perchè tra la corsa in Toscana e quella in Olanda c'è stato il soprasso "impossibile" subito all'ultima curva della sua Barcelona...o forse perchè, di fronte ad un palmares di vittorie così ampio, è impossibile non levarsi il cappello ed inchinarsi al cospetto del pilota aldilà del muro.

"Prima di tutto - ha dichiarato Jorge Lorenzo - voglio congratularmi con Valentino perché il risultato ha dell'incredibile. Il GP di Assen 2009 è una giornata che appartiene a lui. Per mia sfortuna, non sono partito bene e ho dovuto rischiare un po' per passare alcuni avversari e tornare davanti. Quando ci sono riuscito, ho cercato di raggiungere Valentino, ma in alcuni tratti semplicemente non ero veloce quanto lui. Viaggiava sul passo di 36,5, ed io non mi sentivo di poter spingere fino a quel livello. Man mano che la gara procedeva ho iniziato a sentire la gomma anteriore chiudersi, così ho pensato che fosse meglio accontentarsi. Un altro podio è un gran bel risultato: è il mio cinquantesimo! Siamo sempre molto forti e la cosa mi rende felice. Solo cinque punti mi separano dalla vetta della classifica generale e sono in buona posizione. Ora Laguna. Non vedo l’ora!"

Parole di elogio nei confronti di Rossi sono arrivate anche dal Team Manager del Team Yamaha "lato Rossi", Davide Brivio: "Cento vittorie parlano da sole. Per tutti noi è un grande onore e piacere lavorare con Valentino Rossi, uno dei più grandi piloti della storia. Inoltre, lavorare con lui è sempre un gran divertimento, ogni weekend. Questa è una pagina di storia molto importante anche per Yamaha, dato che quaranta di queste vittorie le ha ottenute con noi: più che con ogni altro costruttore."

"Nel 2004 - aggiunge Brivio - quando abbiamo iniziato assieme questa avventura, un traguardo del genere non era immaginabile. So che tutti coloro che sono coinvolti, e ogni dipendente Yamaha, non dimenticherà mai questo momento. Penso di parlare a nome di tutti: ringrazio Vale per i momenti che ci ha regalato e per essere parte di Yamaha."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top