Sport

pubblicato il 29 giugno 2009

WSBK 2009, Donington: Yamaha over the top

Spies accorcia il distacco da Haga. Mirino sul titolo

WSBK 2009, Donington: Yamaha over the top
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 1
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 2
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 3
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 4
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 5
  • WSBK 2009, Donington, Team Yamaha - anteprima 6

Le gare di ieri a Donington Park sono state per l'americano della Yamaha Ben Spies un momento molto importante della stagione 2009: la doppia vittoria abbinata al terzo posto in gara 1 e la caduta in gara 2 di Haga, hanno permesso all'alfiere della Yamaha di accorciare il distacco dal vertice della classifica di 34 punti...lasciando solo 14 miseri punti di vantaggio ad un Haga che rischia di non correre il 26 luglio a Brno per i postumi dell'impatto al suolo di ieri.

"E’ stato proprio un weekend perfetto. Gara 1 è stata impegnativa - ha dichiarato Ben Spies - perché Max non mi ha mai mollato e ho dovuto spingere a fondo per tenerlo dietro, soprattutto negli ultimi tre giri. So che Nori è stato vittima di una brutta caduta e mi auguro che sia tutto ok. Non è così che voglio vincere ma le gare in moto sono anche questo. Gara 2 è andata altrettanto bene, l’asfalto era più caldo e anche più scivoloso e così abbiamo fatto alcune modifiche che hanno migliorato il comportamento della moto."

"Sono contento - aggiunge il texano della Yamaha - anche per il podio di Leon Haslam: so quanto fosse importante per lui ottenere un bel risultato sulla pista di casa. Quanto a me, ho cercato di rimanere sempre concentrato perché, con queste condizioni di pista, sapevo che un errore poteva costare caro. Non potrò mai ringraziare abbastanza i ragazzi della Yamaha per avermi messo nelle condizioni di portare casa questo grande risultato."

Meglio del solito anche Sykes. L'inglese ha portato la sua R1 2009 ad un secondo dal podio, quinto, in gara 1 mentre in gara 2 la classifica parla di una onorevole settima posizione. Certo, il confronto con il caposquadra non regge, ma la sensazione è quella che il numero 66 stia migliorando gara dopo gara il feeling con la SBK e la R1 2009: il biglietto per il podio c'è, ci sono ancora 10 buone possibilità per staccarlo.

"Nel warm up della mattina - ha dichiarato Sykes - avevamo trovato una buona soluzione di set up e mi sentivo quindi pronto per la gara. Stavo cercando di trovare il mio ritmo quando purtroppo sono arrivato un po’ troppo forte all’ultima curva. Ho frenato e ho perso l’anteriore. Non ci potevo credere: il mio primo ritiro proprio sulla pista di casa. Così ho pensato solo al riscatto in gara 2. Purtroppo ho accusato problemi di freni e questo mi è costata la possibilità di giocarmi il podio. Non è stato un weekend fortunato e sono un po’ deluso anche perché volevo lasciare Donington con il quinto posto in campionato. Comunque si è visto quello di cui sono capace e spero di riuscire a dimostrarlo anche a Brno."

"Io e tutto il team - ha dichiarato Massimo Meregalli, Team Manager Yamaha - vogliamo esprimere i migliori auguri di pronta guarigione a Nori e speriamo che possa tornare presto alle gare. Il weekend è stato eccezionale: pole position, due vittorie e un consistente bottino di punti, che ha ridotto a 14 i punti di distacco in campionato. Ben ha guidato incredibilmente bene in entrambe le gare, è stato davvero impeccabile in tutto il weekend. Tom ha ritrovato in pieno il feeling con la moto e questa è la cosa più importante, tanto che alla fine dei conti ha mancato il podio per pochi decimi. Ora andiamo ad Imola per imparare il circuito e prepararci alla gara di Brno. Un grazie enorme alla squadra che ha lavorato davvero duro per permetterci questo trionfo."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top