Sport

pubblicato il 14 maggio 2009

1'51.2 per Bayliss sulla Ducati GP9 al Mugello

L'australiano a mezzo secondo dal passo gara 2008 di Stoner

1'51.2 per Bayliss sulla Ducati GP9 al Mugello
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Troy Bayliss sulla Ducati Desmosedici GP9 - anteprima 1
  • Troy Bayliss sulla Ducati Desmosedici GP9 - anteprima 2
  • Troy Bayliss sulla Ducati Desmosedici GP9 - anteprima 3
  • Troy Bayliss sulla Ducati Desmosedici GP9 - anteprima 4

Si è finalmente conclusa la sessione di test Ducati al Mugello, in cui Vittoriano Guareschi e Troy Bayliss sono scesi in pista per test di sviluppo in chiave 2009 e 2010. Grande attesa, ovviamente, per la prestazione dell'australiano che, secondo fonti ufficiali Ducati, ha fermato il cronometro ad 1'.51.2, due decimi meglio del collaudatore italiano.

Per Bayliss, che da sei mesi non saliva più in sella ad una moto - l'ultima "pistata" risale al press test 1198 S di Portimao - si tratta di un tempo di tutto rispetto, non troppo distante da quel 50.5 tenuto di passo da Stoner durante la gara. Sarebbe curioso sapere se, utilizzando gomme da qualifica, Troy sarebbe riuscito a spingersi sotto al muro del '49...avvicinandosi alla qualifica del connazionale, lo scorso anno qualificatosi quarto con '48.3.

"Sono state tre belle giornate, in cui ho riassaporato la sensazione di essere un pilota" ha commentato il Bayliss. "E’ bastato pochissimo per tornare "ai vecchi tempi" ma prima che a chiunque vengano in mente idee strane, confermo che sono anche contento di essere sulla strada per l’aeroporto e di tornare in Australia questa sera: non ho alcuna intenzione di tornare a correre! Detto questo, mi sono divertito molto e spero nello stesso tempo di essere stato utile a Filippo (Preziosi). Abbiamo lavorato ogni giorno sulla moto ed ogni giorno sono riuscito a spingere un po’ di più, fino a girare su tempi davvero soddisfacenti. Adesso starò un po’ a casa ma verso giugno o luglio tornerò in Europa per qualche settimana. Dovrei provare di nuovo la moto in quel periodo, non so esattamente quando, ma sono davvero contento che ci sia questo progetto!"

"Lavorare con Troy è stato utile perché è un pilota con uno stile di guida molto diverso da quello di Vittoriano", ha detto a sua volta Filippo Preziosi. "E’ quindi stato interessante ed utile sentire anche le sue impressioni sulla GP9. Abbiamo lavorato su set up di ciclistica piuttosto diversi da quelli che usiamo di solito qui e che si sono rivelati promettenti, anche se devono essere ancora approfonditi. Complimenti anche a Vitto che è in un periodo di gran forma! Dopo l’ottimo risultato nel "Time Attack" di Jerez, in questi giorni ha anche realizzato il suo miglior giro di sempre a Mugello, con un ottimo 1’51.4. Siamo orgogliosi di avere un collaudatore così bravo e veloce e di poter contare sull’esperienza di Troy per continuare a migliorare la nostra moto."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top