Sport

pubblicato il 4 maggio 2009

MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO

Nella via di fuga...ma senza la bandiera Lorenzo's Land

MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Jerez: Jorge Lorenzo KO - anteprima 6

Valentino Rossi nelle interviste post-qualifica non era certamente felice della incredibile prestazione in prova del suo compagno di squadra maiorchino. Jorge Lorenzo, in effetti, aveva appena disputato un'ottima qualifica e tutto sembrava filare per il verso giusto anche in chiave gara, dato che il passo era nettamente superiore a quello del tavulliano.

Se non che, la mattina seguente, la moto numero 46 ha iniziato a filare come il vento..."io e Jeremy abbiamo messo a punto una bella modifica durante la notte..." dirà poi Rossi, e il povero Jorge si è ritrovato con un pugno di mosche nel giorno in cui aveva già individuato in quale via di fuga piantare la bandiera "Lorenzo's Land".

Ed in quella via di fuga c'è andato eccome, ma l'unica cosa che è riuscito a piantare è stata la pedana destra, spezzata inesorabilmente, come il suo morale, dopo un buon quarto posto "regalato" agli avversari.

In realtà Lorenzo si aspettava tutta un'altra gara: il primo posto di Motegi, frutto più di assetti improvvisati da parte di Rossi e Stoner che di altro, l'aveva gasato a tal punto da fargli scattare nuovamente la molla della velocità, elemento che nel suo polso destro non manca di certo.

Jorge, infatti, quando si tratta di dare gas non è secondo a nessuno, ma da sempre pecca in costanza di rendimento, anche mentale: ieri, di certo, qualcosa non è andato per il verso giusto nella sua moto o gli altri sono stati più bravi di lui a chiudere la messa a punto pro-gara nel corso del weekend, ma stendersi a pochi giri dalla fine per la voglia di dimostrare qualcosa di più nel GP di casa non è un gran segno di maturità da parte di chi solamente il giorno prima aveva detto "lo Jorge dello scorso anno non esiste più".

A noi sembra che Lorenzo sia sempre quello dello scorso anno, sabato pomeriggio un po' meno impaurito del solito. "Dobbiamo provare a dimenticare ciò che è accaduto - ha dichiarato Lorenzo - e guardare positivamente a Le Mans. Sono dispiaciuto per tutti i miei fan, per il team e la mia famiglia."

Che dire: riprenditi presto Jorge, ora che anche Pedrosa è tornato a fare un'altro sport manchi solo tu.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top