Novità

pubblicato il 28 aprile 2009

Polini 911 GP6

Tutta nuova per amatori e professionisti

Polini 911 GP6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Polini 911 GP6 - anteprima 1
  • Polini 911 GP6 - anteprima 2
  • Polini 911 GP6 - anteprima 3
  • Polini 911 GP6 - anteprima 4
  • Polini 911 GP6 - anteprima 5
  • Polini 911 GP6 - anteprima 6

La nuova Polini 911 GP6 è una minibike dalla doppia anima: i tecnici della Casa lombarda l’hanno voluta sportivissima e facile da guidare fin che la si sfrutta ad un certo livello, impegnativa e performante quando si deve spingere a fondo in gara.

Telaio a traliccio caratterizzato nella parte posteriore dalla possibilità di regolazione grazie alle due biellette in lega leggera, che consentono di regolare la posizione dell’avantreno in base alle caratteristiche delle piste, la GP6 monta un forcellone in acciaio alta resistenza, con bracci di sezione rettangolare.

La forcella, di tipo rigido con steli d’acciaio inox di 25 mm. di diametro, monta piedini ricavati dal pieno…così come sono ricavati dal pieno il supporto della pinza freno, l’attacco manubrio e l’attacco ammortizzatore di sterzo. Sempre ricavati dal pieno, ma in ergal, sono la piastra superiore ed inferiore di sterzo. Interessante la presenza dell’ammortizzatore di sterzo idraulico, regolabile su 12 posizioni.

E’ possibile scegliere la Polini GP6 in abbinamento a tre motori, tutti 2T. 39,69 cc (alesaggio e corsa 36x39) raffreddato ad aria, 39,99 cc (alesaggio e corsa 36x39,2) raffreddato a liquido e 49,3 cc (alesaggio e corsa 40x39,2) raffreddato a liquido.
Le due GP6 con motore raffreddato a liquido di 39,99 e 49,3 adottano un nuovo radiatore di maggiori dimensioni che migliora il raffreddamento diminuendo i valori di temperatura dell’acqua.

Per tutti, carter e gruppo termico in lega leggera, ammissione lamellare diretta nel carter lamellare e sistema d’avviamento è a strappo, nel rispetto dei Regolamenti FMI.

L’impianto di scarico è collocato attraverso la parte superiore del telaio e termina sotto il sellino.

Non manca nulla in tema di freni: il disco anteriore è di tipo flottante con diemetro di 148 mm. di diametro, con paradisco in materiale antishock, mentre il disco posteriore è di 130 mm. Idrauliche le pinze freno dei modelli con motore raffreddato liquido, a cavo quelle della versione ad aria.

Le ruote vantano un disegno a tre razze in alluminio fuso in conchiglia con lavorazioni effettuate su avanzati centri a controllo numerico: hanno la caratteristica di consentire il montaggio dei pneumatici tubeless, anteriore 90/65-R 6,5 e posteriore 110/50-R6,5.

Lunga 1060 mm. larga 240 mm. (alla carena), alta 460 mm., la GP6 pesa 22 kg ed è dotata di un serbatoio di 1,5 litri.

I prezzi delle nuove Polini 911 GP6 sono: 1.660,00 più IVA per la versione ad aria, 2.650,00 più IVA la 911 GP6 H2O 50 cc. e 2.660,00 più IVA la versione 50.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top