Sport

pubblicato il 26 aprile 2009

WSBK 2009, Assen: gare e classifica

Haga sempre più leader in classifica. Spies da urlo in gara 1

WSBK 2009, Assen: gare e classifica
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 1
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 2
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 3
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 4
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 5
  • WSBK 2009 - Assen - anteprima 6

Come vi avevamo anticipato subito dopo le prove libere del venerdì, Haga si è presentato ad Assen in splendida forma: praticamente assente nelle primissime prove, più grintoso in Superpole, l'asso della Ducati ha dato una gran dimostrazione di forza la domenica. E non parliamo solamente di prestazione pura, dato che Spies ha dimostrato di saper andare anche più forte, ma di maturità nell'affrontare situazioni potenzialmente a rischio valutando ogni singola mossa in chiave campionato.

SPIES: BENE COSI'. HAGA MATURO
Ecco perchè, probabilmente, vi sarete sgranati gli occhi dopo non aver assistito ad una scontata sportellata nell'ultima esse di gara 1: Nori è maturato, sbatte meno ed ha capito che in alcune situazioni mettere da parte l'orgoglio ed accendere il cervello può fare del bene ad una carriera sino ad oggi caratterizzata da grandi luci e spaventose ombre.

Spies, dal canto suo, ha fatto sostanzialmente quello che doveva fare: ha conquistato una Superpole da urlo e si è messo in saccoccia i 25 punti di gara 1. La caduta? Da un debuttante in sella ad una moto totalmente nuova, difficile pretendere velocità e costanza. La prima c'è, la seconda arriverà a stretto giro...

"Mi spiace per Spies - ha dichiarato Haga - che e' caduto, spero stia bene. Dopo la prima gara abbiamo fatto delle modifiche alla sospensione e la moto era perfetta. Quindi ringrazio tutti i ragazzi del team. Erano nove anni che non vincevo qui, l'ultima volta era il 2000: sono felicissimo e non vedo l'ora che arrivi Monza."

SMRZ E HASLAM: SORPRESE?
Davvero eccezionale il weekend nei Paesi Bassi di Smrz e Haslam.
"Ero proprio dietro a Fabrizio - ha dichiarato Smrz, Ducati, 3° in gara 2 - ed ero talmente vicino che sono riuscito a passarlo alla fine. Penso che abbia avuto un problema tecnico. Sono contento perché tutti dicevano che riuscivo ad essere veloce sono nelle qualifiche, ora ho dimostrato che posso essere veloce anche in gara. E' stato un risultato meraviglioso per me e il team."

"Nella prima curva di gara 2 - commenta Haslam, Honda Stiggy, terzo in gara 1 e secondo in gara 2 - ho fatto una mossa un po' troppo azzardata ma comunque il mio passo di gara era buono. Ho recuperato e sono arrivato a ridosso di Fabrizio e quando sono riuscito a superarlo mancavano pochi giri alla fine ma con la temperatura più fredda il grip non era più ottimale. Ho fatto qualche piccolo errore ma sono riuscito a creare un distacco per garantirmi il secondo posto."

APRILIA SI', APRILIA NO
Buon quinto posto in gara 1 per Max Biaggi e l'Aprilia RSV4, costretti purtroppo al ritiro in gara 2, a causa di un guasto alla frizione.
"Non è andata male – ha dichiarato Biaggi – è stata una gara molto dura. Sono partito un po’ indietro così mi sono trovato davanti più lenti e non è stato facile sorpassarli. Poi sono riuscito a fare un buon ritmo ma la quarta posizione ormai era lontana. Sono molto dispiaciuto per il ritiro di gara 2, ma questi stop tecnici sono cose che si mettono in preventivo ad inizio stagione. Non me lo aspettavo, ma può capitare, la moto è giovane ed è ancora in fase di sviluppo, lavoriamo ogni giorno per migliorare sempre di più."

Per l'altro alfiere dell'Aprilia, Nakano, si è trattato della prima gara dopo l'infortunio di Valencia: per lui una caduta in gara 1 ed una rinuncia a partire in gara due per non compromettere il percorso di recupero fisico. A Monza potrà sfruttare il motore e l'aerodinamica della RSV4 per mettersi finalmente - si spera - in luce.

IN OSSERVAZIONE
In ombra, come spesso accade d'altro canto, la BMW: due decimi posti di Corser sono un magro bottino per un team ufficiale, seppur al debutto. Bene, invece, Scassa: in sella alla sua Kawasaki "privatissima" ha saputo portarsi a casa un bel punticino in gara due. Bravo Luca!

WSBK 2009, Assen, Gara 1 26/04/2009
1. Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 36'31.338 (164,628 kph); 2. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 0.154; 3. Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 0.779; 4. Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 8.775; 5. Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 11.275; 6. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 16.126; 7. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 19.555; 8. Laconi R. (FRA) Ducati 1098R 19.760; 9. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 23.006; 10. Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 24.285; 11. Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 26.003; 12. Muggeridge K. (AUS) Suzuki GSX-R 1000 K9 27.814; 13. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R 1000 K9 36.962; 14. Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 39.025; 15. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 41.505; 16. Roberts B. (AUS) Ducati 1098R 41.810

WSBK 2009, Assen, Gara 2 26/04/2009
1. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 36'31.712 (164,6 kph); 2. Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 2.678; 3. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 4.603; 4. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 8.981; 5. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 12.104; 6. Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 14.575; 7. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 17.449; 8. Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 17.729; 9. Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R 1000 K9 18.167; 10. Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 25.056; 11. Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 32.617; 12. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 32.688; 13. Roberts B. (AUS) Ducati 1098R 37.415; 14. Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R 55.088; 15. Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 55.325; 16. Laconi R. (FRA) Ducati 1098R 1'18.514

WSBK 2009, CLASSIFICA
1. Haga 180; 2. Spies 120; 3. Haslam 94; 4. Fabrizio 80; 5. Neukirchner 75; 6. Sykes 70; 7. Biaggi 65; 8. Laconi 64; 9. Rea 53; 10. Smrz 44. Manufacturers: 1. Ducati 180; 2. Yamaha 145; 3. Honda 109; 4. Suzuki 76; 5. Aprilia 68; 6 BMW 43; 7. Kawasaki 10

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top