Abbigliamento

pubblicato il 31 ottobre 2005

La tuta di Valentino all'asta

Battuta per 38.850 euro la tuta usata al Sachsenring

La tuta di Valentino all'asta
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • La tuta di Valentino all’asta - anteprima 1
  • La tuta di Valentino all’asta - anteprima 2
  • La tuta di Valentino all’asta - anteprima 3
  • La tuta di Valentino all’asta - anteprima 4
  • La tuta di Valentino all’asta - anteprima 5

Si è chiusa oggi alle 12.00, su eBay.it, l’asta organizzata per beneficenza da Dainese. E l’oggetto in palio non poteva che essere il cimelio più ambito: la tuta utilizzata da Valentino Rossi durante il weekend trionfale di quest’anno al Sachsenring, uno dei ricordi più belli di una stagione già entrata nella storia del motociclismo.

Battuta per 38.850 euro, la tuta di Rossifumi è davvero speciale e destinata ad accrescere il proprio valore nel tempo, sia per la sua storia sportiva sia per i contenuti tecnologici di altissimo livello che contraddistinguono le tute Dainese impiegate dai piloti di Moto GP. Tanto più che l’esemplare all’asta non è uno qualsiasi, portando in ogni angolo i simboli che i tifosi di Valentino Rossi hanno imparato a conoscere e amare.

Sul fronte della tecnologia, sono tanti i dettagli tutti da ammirare, a partire dalle spalle in titanio, un’innovazione sperimentale introdotta propria quest’anno. Sulla schiena, poi, non manca la gobba aerodinamica introdotta proprio da Dainese oltre vent’anni fa, con l’obiettivo di rendere più efficaci i paraschiena e oggi apprezzata anche per le sue funzioni aerodinamiche, dal momento che stabilizza il casco e consente di guadagnare in velocità (si calcola che a 300 km/h valga 3 cavalli di potenza…).
E moltissime sono anche le testimonianze della personalità di Valentino, come la scritta WLF sopra il fermacursore della tuta, inno goliardico alle grazie femminili…, il sole disegnato sulla gamba destra per simboleggiare il suo lato pubblico e scanzonato, al quale fa da contraltare la luna posta sulla gamba sinistra, a ricordare che dietro il campione amato dal grande pubblico c’è anche un lato più privato, nel quale emerge tuta la sua serietà professionale e cura dei dettagli.
E poi naturalmente ecco l’ormai mitico 46, numero scelto ancora agli esordi da Rossi perché era quello con cui correva il padre Graziano, con accanto un 1, a ricordare a tutti chi è il campione indiscusso degli ultimi cinque anni in MotoGP…così come è ben visibile la scritta “The Doctor”, il soprannome ancora oggi più famoso di Valentino.

E poi naturalmente ci sono le testimonianze della “vita vissuta” dalla tuta messa all’asta: entrambe le maniche e il fianco sinistro riportano infatti i segni della scivolata compiuta da Rossi a 150 km/h durante le prove libere del Gran Premio di Germania. Scivolata che proprio grazie a questa tuta non ha avuto conseguenze fisiche per il campionissimo italiano, che naturalmente ha anche autografato la tuta messa all’asta.

Insomma, un oggetto che il forunato neo-possessore conserverà con cura e con la consapevolezza di aver dato una mano alla ricerca: il ricavato, infatti, servirà per costituire una borsa di studio presso la facoltà di ingegneria meccanica dell'Università di Padova per la ricerca sulla sicurezza dei motociclisti.

Autore: Redazione

Tag: Abbigliamento , motogp , abbigliamento


Top