Sport

pubblicato il 14 aprile 2009

MotoGP 2009, Qatar, Gara: vince Stoner

...Rossi secondo. Distacchi abissali per gli altri...

MotoGP 2009, Qatar, Gara: vince Stoner
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Qatar - anteprima 6

E' bastato un solo giro per mettere fine alla 1° gara della stagione MotoGP 2009. Un po' come si prevedeva, nonostante il fumo negli occhi di un warm-up in cui Rossi aveva girato molto forte, Stoner ha preso la testa della corsa sin dalla prima curva ed ha salutato la compagnia, rimandando la prima delle sfide vere con Rossi alla prossima gara di Motegi.

QATAR=STONER
Era noto anche ai granelli di sabbia del deserto, infatti, che Stoner e la Ducati su questa pista sono un po' come Rossi al Mugello (con qualsiasi moto...), ma ci sono ormai troppi indizi per non parlare di strette assonanze tra la MotoGP e la noia che per numerose stagioni ha preso in ostaggio la F1.

QUALE SHOW?
Pochi sorpassi, 0 derapate, 0 staccate al limite, moto che singhiozzano in preda all'ormai immancabile traction control all'uscita di ogni curva, un paio di piloti che fanno la differenza e poco altro. La notte, con tanto di posticipo al giorno successivo causa pioggia - mai tanto provvidenziale se il desiderio è quello di trovare un pretesto per sedersi attorno al tavolo e rimodulare le modalità del Campionato -, non ha portato alcun plus ad uno spettacolo ben lontano dalle domeniche passate in piedi sul divano ammirando le imprese di Rossi, Gibernau e la Ducati di Capirossi nei primi anni dell'era MotoGP. Per non parlare della 500 dei primi anni '90 o della 250 degli specialisti e dell'astro nascente Aprilia.

PRETESTO GIUSTO?
Vada come vada, ma incrociamo le dita sperando che qualcuno trovi il bandolo della matassa, levati Stoner ed un Rossi in vittima del traffico e di due secondi divenuti irrecuperabili nelle prime battute di corsa, la gara ha riservato qualche emozione con la caduta di Capirossi ed il contatto tra De Angelis e Pedrosa.

Nient'altro...a meno di non impugnare la lente di ingrandimento e soffermarsi a guardare la prestazione di Dovizioso, sul finale quasi raggiunto dalla "privata" di De Angelis, in grado per molti giri di inserirsi nella lotta per il terzo gradino del podio: per lui la HRC è ancora un mezzo tabù ma passo dopo passo potrebbe anche avere le carte in regola per arrivare costantemente a podio nell'arco nella stagione.

D16: KALLIO FORSE L'HA CAPITA...
"Interessante" anche la gara di Edwards, quarto con la Yamaha Tech 3, così come è degna di nota la corsa di Vermuelen e di Kallio, ottavo con una Ducati che nessuno tra Hayden, Gibernau e Canepa sembra essere in grado di portare a livelli almeno simili ai suoi (per non parlare di quelli di Stoner...).

TORNERA' IL CONIGLIETTO
Incolore Elias, con una Honda Gresini "Factory Spec" teoricamente superiore a quella di De Angelis, e De Puniet, decimo al termine di una corsa in cui il mitico "coniglietto" non gli ha potuto regalare il giusto slancio: Playboy tornerà, però, già a Motegi. Si annuncia un'altra corsa, almeno si spera: il potenziale di Valentino non è certamente quello dimostrato questa sera. Quello degli altri, invece, è purtroppo sotto gli occhi di tutti.

MOTOGP 2009, QATAR, GARA - 13/04/2009
1 27 Casey STONER AUS Ducati 42'53"984
2 46 Valentino ROSSI ITA Yamaha 7"771
3 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha 16"244
4 5 Colin EDWARDS USA Yamaha 24"410
5 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Honda 27"263
6 15 Alex DE ANGELIS RSM Honda 29"883
7 7 Chris VERMEULEN AUS Suzuki 33"627
8 36 Mika KALLIO FIN Ducati 34"755
9 24 Toni ELIAS SPA Honda 39"481
10 14 Randy DE PUNIET FRA Honda 42"284
11 3 Dani PEDROSA SPA Honda 48"526
12 69 Nicky HAYDEN USA Ducati 48"883
13 59 Sete GIBERNAU SPA Ducati 52"215
14 33 Marco MELANDRI ITA Kawasaki 56"379
15 72 Yuki TAKAHASHI JPN Honda 1'00"286
16 52 James TOSELAND GBR Yamaha 1'14"978
17 88 Niccolo CANEPA ITA Ducati 1'15"028

Non al traguardo
65 Loris CAPIROSSI ITA Suzuki 15 Lap

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top