Novità

pubblicato il 20 marzo 2009

Piaggio Beverly Tourer 300: primo contatto

Già disponibile in concessionaria con il nuovo motore "trecento"

Piaggio Beverly Tourer 300: primo contatto
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 1
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 2
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 3
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 4
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 5
  • Piaggio Beverly Tourer 300 - anteprima 6

Dopo aver debuttato su Vespa e Scarabeo, finalmente, il nuovo motore Quasar fa arriva su Piaggio Beverly Tourer 300, andando a rendere ancor più interessante un prodotto che ha sempre dimostrato di piacere ad un pubblico adulto ed in cerca di una giusta via di mezzo tra uno scooter leggero, come potrebbe essere il Piaggio Liberty, ed un maxi-scooter.

LIEVITA LA CILINDRATA, MIGLIORANO LE PRESTAZIONI
Da 250 a 300 la differenza non è poi molta, anche perchè la cilindrata effettiva è superiore rispetto al vecchio 250 "effettivo" di poco più del 10% (278 cc.), ma all'atto pratico, in termini prestazionali, il miglioramento è tangibile. Monocilindrico, 4 valvole, iniezione elettronica, Euro3, il nuovo motore è stato rivisto sia nella misura di alesaggio (ora da 75 mm) che in quella della corsa (63 mm), con l'intento di assicurare un più alto livello di coppia massima (23 Nm contro 20,2) ad un regime più basso (6.000 giri contro 6.500 del 250), senza dimenticare nulla in termini di potenza massima, che si attesta a 22 CV a 7.250 giri.

SICURO E FACILE
Valori indubbiamente interessanti, che viaggiano di pari passo con una ciclistica pensata per essere prima di tutto sicura e facile. Il telaio a doppia culla, realizzato in traliccio di tubi d’acciaio altoresistenziale, si abbina all’anteriore a una forcella telescopica idraulica con steli da 35 mm, mentre al posteriore lavorano due ammortizzatori idraulici a doppio effetto che permettono di personalizzare l'assetto del veicolo, grazie alla possibilità di regolazione del precarico molla su quattro posizioni. Le ruote sono entrambe da 16", gommate 110/70 davanti e 140/70 dietro, mentre l'impianto frenate prevede una coppia di dischi in acciaio da 260 mm.

STILE IMMUTATO
Rispetto al modello precedente non cambiano poi molte cose sotto il profilo stilistico: le note distintive riguardano il faro, montato sul manubrio e sormontato da un elegante parabrezza protettivo e realizzato in metacrilato fumè, mentre lo scudo anteriore è segnato dalla calandra con finiture cromate che aggiunge un deciso tocco di classicità alla impronta tracciata dal centro stile Piaggio. Numerose, come sempre, le finiture cromate, in particolar modo per quanto riguarda le modanature laterali montate sullo scudo e sulle fiancate posteriori, ma a vantare questa finitura sono anche gli specchietti retrovisori. Piacevole nelle forme anche il gruppo ottico posteriore, rifinito in trasparente; la sella vanta poi cuciture a contrasto e nasconde un vano sottosella in grado di ospitare due caschi demi-jet.

PIU' BRIO
Su strada, rispetto al modello precedente, è subito evidente che qualcosa è cambiato in termini di erogazione. I tecnici Piaggio hanno fatto davvero un buon lavoro sul Quasar, adattandolo alle restrittive normative euro 3, vero e proprio collo di bottiglia per i motori di ultima generazione, pur guadagnando molto in termini prestazionali sul vecchio 250. Segno che ad evolversi sono stati anche altri aspetti, a partire dall'iniezione elettronica per arrivare a numerose componenti meccaniche, che alla resa dei conti si traducono in un miglior spunto nelle partenze da fermo, migliori capacità di ripresa ed una rumorosità più contenuta, dato che a parità di prestazioni erogate il regime di giri è più contenuto.

Nato per l'utilizzo urbano, con un occhio di riguardo per le gite fuori porta, il nuovo Beverly Tourer 300 vanta una posizione di guida comoda, di derivazione motociclistica, in grado di assicurare notevole controllo nei percorsi guidati: da questo punto di vista la scelta di utilizzare due ruote da 16" appare azzeccatissima, tanto che nei percorsi ricchi di curve ci si può levare anche qualche piccola soddisfazione.
Buono il lavoro dell'impianto frenante, anche se la coppia di dischi non può certamente fare miracoli quando le velocità iniziano a farsi importanti: non manca mai potere frenante, sia chiaro, ma è sempre bene agire su entrame le leve richiedendo un piccolo sforzo in più al pilota. Tutto questo per dire che un sistema di frenata combinata, potrebbe anche tornare utile in termini di confort oltre che di sicurezza.

TASSO ZERO. DA 3.590 EURO
Beverly Tourer 300 ie è disponibile nelle colorazioni Nero Cosmo, Blu Midnight, Grigio Pulsar e Bianco ad un prezzo di 4.090 euro. Considerando gli ecoincentivi, ed un bonus di 200 euro targato Piaggio (che comprende immatricolazione, accessori ed un pacchetto di manutenzione), basterà staccare un assegno di 3.590 euro per trovarsi con le chiavi del Beverly Tourer in mano. Come se non bastasse, anche il nuovo modello della Casa di Pontedera può essere acquistato finanziando fino a 3.000 euro a tasso zero rimborsabili in 24, 30 o 36 mesi.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top