Sport

pubblicato il 15 marzo 2009

WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4

Doppio champagne per Biaggi e grande concretezza per Nakano

WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 1
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 2
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 3
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 4
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 5
  • WSBK 2009, Qatar: due podi per la Aprilia RSV4 - anteprima 6

Quello del Qatar, per Aprilia, sarà un weekend da ricordare. Dopo l'ultimo terzo posto in WSBK targato Haga 2002 (in sella alla bicilindrica RSV 1000 R), Max Biaggi ha riportato il Leone sul podio per ben due volte, dopo due fantastiche gare in cui ha tenuto il musetto della sua RSV4 davanti a tutti per diversi giri. Una prestazione ancor più entusiasmante se si considera il quarto ed il settimo posto del compagno di squadra Nakano, protagonista di una eccezionale sfida al photofinish con la Suzuki GSX-R 1000 di Neukirchner in gara 2: dopo essere uscito nella scia del tedesco dall'ultima curva, infatti, Nakano ha sfruttato ogni cavallo a disposizione del V4 per scavalcare la Suzuki, perdendo il duello per una questione di pochissimi cm: se qualcuno fosse ancora in cerca di conferme riguardo il potenziale del quattro cilindri Aprilia, crediamo l'aver recuperato due metri ad una Gixxer 1000 ufficiale sia una generosa dimostrazione di forza.

"E’ stata una grande gara – ha dichiarato Biaggi – sono salito di nuovo sul podio ancora confermado il nostro potenziale, su questa pista un po’ speciale per me. Haga e Spies sono stati velocissimi, sono i migliori in questo momento e sono contento di esserre sempre lì a duellare con loro. La gara è stata dura verso la fine avevo perso un po’ di grip e la pressione di Kiyonari si faceva sentire. Adesso guardiamo a Valencia con un altro spirito fiduciosi di far bene. Ringrazio ancora il mio team, mi sento a casa con loro, è come una grande famiglia, facciamo tutto con grande entusiasmo mettendoci tuette le nostre forze e dando sempre tutti il massimo."

"Ero partito bene ma dopo poche curve un contatto con un altro pilota mi ha fatto perdere terreno – parla Nakano – così ho dovuto spingere al massimo per tentare di recuperare. Sono riuscito a risalire fino al sesto posto, ma ero da solo e non riuscivo a fare un ritmo costante. A cinque giri dalla fine mi ha raggiunto e passato Neukirchner e lì abbiamo iniziato a duellare fino alla linea del traguardo dove non sono riuscito a passarlo in scia solo per pochi centimetri. E’ stato comunque un ottimo week end, siamo migliorati molto da Phillip Island e Biaggi ha mostrato a tutti il potenziale della RSV4. Adesso c’è Valencia, pista che conosco bene e dove sono salito per la prima volta sull’Aprilia anche se non ne avrò vantaggi in quanto la moto ora è molto diversa."

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top