Sport

pubblicato il 14 marzo 2009

WSBK 2009, Qatar: ancora la R1 di Spies in gara 2

Haga guida la classifica piloti. Per Biaggi e l'Aprilia arriva un'altro podio

WSBK 2009, Qatar: ancora la R1 di Spies in gara 2
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 1
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 2
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 3
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 4
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 5
  • WSBK 2009, Qatar - Gara 1 - Gara 2 - anteprima 6

Ben Spies, texano, irraggiungibile miraggio in un deserto arabo non certamente avaro di sorprese, ha dominato anche gara 2 della seconda tappa del WSBK 2009, corsa sotto un sole a "30 gradi" sul tracciato di Losail, in Qatar.
Nuovamente nulla da fare, dunque, per la Ducati 1098 R ufficiale di Haga e per la Aprilia RSV4 di Biaggi, che sino all'ultima curva si sono contese il secondo gradino del podio come in gara 1: alla fine l'ha spuntata l'erede di Troy Bayliss, ma Biaggi ha fatto vedere di che pasta è (ancora) fatto girando nuovamente in testa alla prima curva e mantenendo il ruolo di leader della corsa per alcuni giri.

Il passo della RSV4, stratosferico se si tiene conto della gioventù del progetto, è stato leggermente inferiore a quello della Ducati di Haga solo sul finale di gara, tanto da permettere al nipponico (che da oggi non è più l'ultimo pilota ad aver portato una Aprilia sul podio in SBK, Assen 2002) di guadagnare metri preziosi nel giro decisivo, l'ultimo. Classifica fotocopia, dunque, nelle prime tre posizioni tra gara uno e gara due, mentre a differenza di quanto accaduto nella manche precedente, il quarto posto è occupato dalla Honda di Kyonari, anch'egli in gara per il terzo posto sino a pochi giri dalla fine. La Honda CBR 1000 RR sembra essere lontana parente della M.Y. 2007 che ha permesso di vincere il mondiale a Toseland, dimostrando di avere un discreto passo ma poco mordente: una situazione che, probabilmente, cambierà quando si tornerà a correre in Europa, alla stregua di quanto succederà con ogni probabilità a Max Neukirchner, alle prese con una Suzuki GSX-R 1000 K9 scorbutica ed in grado di mettersi dietro la Aprilia RSV4 di Nakano solo sul filo di lana, con un colpo di reni degno di un centometrista. Per una coppia (moto/pilota) di aspiranti al titolo, un sesto posto così sudato ed una gara 1 senza mai nemmeno essere inquadrato dalla regia...è davvero poca cosa.

Buona gara 2, invece, per Sykes: il suo talento sembra essere molto lontano da quello cristallino di Spies, ma nell'arco della stagione potrà fare la sua parte, difendendo quella che ormai può essere definita la "prima guida" Yamaha e raccogliendo punti preziosi per la classifica costruttori.
Interessante anche la gara 2 di Corser: la sua BMW S 1000 RR ha vissuto un inizio di gara da protagonista, per molti giri in vetta al primo trenino di chi oggi ha fatto un altro sport rispetto al trio di testa, ed il nono posto forse non rende pienamente giustizia all'impegno della factory di Monaco: certo, dietro all'astraliano numero 11 ed al compagno di squadra Xaus (10°) c'è gente come Checa, Haslam, Byrne Kagayama o Laconi...e certamente Berti Hauser - Responsabile delle attività sportive BMW Motorrad - avrebbe messo la firma per un avvio di stagione simile, ma la sensazione è BMW riparta alla volta della Germania con qualche punto in meno di quanto meritato.

Sabato nero, invece, per Smrz: dopo aver messo la sua 1098 R in seconda posizione ieri, oggi non si è mai visto. Prima una caduta e poi un problema tecnico che gli ha impedito di schierarsi nella sua casella al via di gara 2 hanno condizionato un weekend che avrebbe potuto essere da incorniciare. Lui c'è, sicuramente sarà tra i protagonisti al rientro in Europa.

WSBK 2009, Qatar, Gara 2
1 19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 36'02.126 (161,241 kph)
2 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 1.274
3 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 1.622
4 9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 1.845
5 66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 5.117
6 76 Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R 1000 K9 9.512
7 56 Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 9.514
8 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 12.621
9 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 13.842
10 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 13.884
11 91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 13.888
12 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 14.913
13 7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 15.762
14 55 Laconi R. (FRA) Ducati 1098R 15.920
15 71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 19.565
16 23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 21.759
17 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 28.523
18 31 Muggeridge K. (AUS) Suzuki GSX-R 1000 K9 40.499
19 24 Roberts B. (AUS) Ducati 1098R 43.761
20 99 Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 44.669
21 77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 48.955
22 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R
RET 44 Rolfo R. (ITA) Honda CBR1000RR
RET 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R
RET 25 Salom D. (ESP) Kawasaki ZX 10R
RET 33 Hill T. (GBR) Honda CBR1000RR
RET 86 Badovini A. (ITA) Kawasaki ZX 10R

Classifica dopo 2 gare
1 Haga 85
2 Spies 75
3 Neukirchner 40
4 Biaggi 38
5 Haslam 36
6 Sykes 32
7 Laconi 30
8 Rea 30
9 Nakano 27
10 Kagayama 25
11 Fabrizio 24
12 Corser 22
13 Kiyonari 21
14 Checa 21
15 Smrz 16
16 Byrne 14
17 Xaus 14
18 Hill 5
19 Rolfo 3
20 Parkes 2

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top