Sport

pubblicato il 13 marzo 2009

WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole

L'astronave R1 atterra anche in Qatar. Molto bene Biaggi, terzo

WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 1
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 2
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 3
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 4
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 5
  • WSBK 2009, Qatar: Spies in SuperPole - anteprima 6

SuperPole in Australia e SuperPole in Qatar: non si può ancora parlare di contratto di locazione firmato per la prima casella della griglia WSBK 2009, ma è fuori da ogni dubbio che Ben Spies e la sua nuova Yamaha R1 siano oggi come oggi l'accoppiata da battere, almeno sul giro veloce.

Con un tempo di 1'58.886, infatti, l'americano ha relegato in seconda il pur eccezionale Smrz (Ducati 1098 R privata)...rifilando ben sei decimi di secondo al compagno di squadra, comunque quinto, Tom Sykes.

Terzo posto, a conferma del fatto che Biaggi e l'Aprilia giocano a nascondino dichiarando di essere molto indietro con lo sviluppo della RSV4..., per il velocissimo Max Biaggi: che il Qatar sia la sua pista lo ha dimostrato più volte in passato, anche vincendo al debutto nella classe SBk nel 2007, ma girare in 1'59.499 ci sembra un risultato che va ben oltre il manico del Corsaro.

"Sono contento – ha dichiarato Biaggi – sia per il risultato sia per aver lottato di nuovo per conquistare la pole position. Qui non abbiamo provato nessuna novità rispetto alla scorsa gara e questo dimostra che il pacchetto sta migliorando, anche se c’è ancora molto da fare. Devo ringraziare il mio team per il fantastico lavoro che hanno fatto, mi hanno permesso di essere
in lotta con i migliori e sono veramente delle persone speciali. Questa prima fila ci da coraggio, siamo tutti molto veloci e questo renderà le gare di domani ancora più interessanti. Rimangono ancora molte incognite perchè su questa pista non abbiamo mai girato prima di questo round ma ce la metterò tutta come sempre."

Quarto posto, ad un paio di decimi dall'Aprilia di Biaggi, la Ducati 1098 R ufficiale di Haga mentre al sesto posto, finalmente, si è fatto vedere Nakano. Il ritardo dal compagno di squadra è imbarazzante, ma il nipponico è solamente alla seconda gara in WSBK e ci vorrà del tempo prima che di lui si possa parlare come di un pilota in grado di lottare per la vittoria.

"Questa è la mia seconda gara in Superbike e chiudo questa Superpole in sesta posizione e questo mi rende felice – ha detto Nakano – anche se nella finale a otto accuso a più di un secondo di distacco e questo vuol dire che mi manca ancora qualcosa, devo migliorare anche sotto questo aspetto.
Nonostante questo ho un buon passo ed il chattering è diminuito ripetto a Phillip Island. Domani la gara sarà molto dura, dovrò partire bene e cercare di rimanere nel gruppetto dei primi, il che è alla mia portata, e poi vedremo quel che succederà".

Torna a mettere il muso della sua 1098 R davanti anche Byrne, ottavo, così come è importante la prestazione di Rolfo, nono in sella alla CBR 1000 RR. Solo decimo Fabrizio, in sella alla Ducati 1098 R ufficiale, ma peggio di lui hanno fatto certamente Kagayama e Neukirchner, rispettivamente 14° e 19°: i test su questa pista avevano confermato una certa sofferenza da parte della GSX-R 1000 K9, ma non ci si aspettava di certo dei risultati simili dopo la bella prova sul tracciato di Phillip Island.

A metà classifica anche le BMW di Corser e Xaus: ci si potrebbe appellare a qualche miracolo per la gara di domani, ma è evidente come il progetto S 1000 RR SBK sia ancora acerbo rispetto a quello di quasi tutte le rivali, coetanee (Aprilia RSV4) comprese.

Superpole da dimenticare per il nostro amico Luca Scassa, 27° in sella alla sua Kawasaki, così come è andata male a Iannuzzo (25°), Badovini (26°) e Baiocco (28°).

Losail, Qatar, Tempi SuperPole (13/03/2009)
1 19 Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 1'57.280
2 96 Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 1'57.384
3 3 Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 1'57.694
4 41 Haga N. (JPN) Ducati 1098R 1'57.850
5 66 Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 1'57.878
6 56 Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 1'58.755
7 7 Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 1'59.090
8 67 Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 2'00.021
9 44 Rolfo R. (ITA) Honda CBR1000RR 1'58.734
10 84 Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 1'58.919
11 55 Laconi R. (FRA) Ducati 1098R 1'59.044
12 9 Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 1'59.055
13 23 Parkes B. (AUS) Kawasaki ZX 10R 1'59.074
14 71 Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'59.134
15 111 Xaus R. (ESP) BMW S1000 RR 1'59.435
16 11 Corser T. (AUS) BMW S1000 RR 1'59.454
17 65 Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 1'59.713
18 91 Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 1'59.882
19 76 Neukirchner M. (GER) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'59.926
20 33 Hill T. (GBR) Honda CBR1000RR 2'00.108
21 31 Muggeridge K. (AUS) Suzuki GSX-R 1000 K9 2'00.738
22 100 Tamada M. (JPN) Kawasaki ZX 10R 2'00.839
23 25 Salom D. (ESP) Kawasaki ZX 10R 2'01.047
24 24 Roberts B. (AUS) Ducati 1098R 2'01.165
25 77 Iannuzzo V. (ITA) Honda CBR1000RR 2'01.560
26 86 Badovini A. (ITA) Kawasaki ZX 10R 2'01.561
27 99 Scassa L. (ITA) Kawasaki ZX 10R 2'01.607
28 15 Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R 2'02.663

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top