Sport

pubblicato il 13 marzo 2009

TTX GP: la prima gara "zero emission" al mondo

L'appuntamento con il futuro è per il 12 giugno 2009 all'Isola di Man

TTX GP: la prima gara "zero emission" al mondo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • TTXGP: la prima gara \
  • TTXGP: la prima gara \
  • TTXGP: la prima gara \
  • TTXGP: la prima gara \
  • TTXGP: la prima gara \
  • TTXGP: la prima gara \

Nudo e crudo lo sarà sempre, ma da quest'anno sarà anche ecologico. Parliamo del mitico Tourist Trophy, che da quest'anno prevede una nuova classe, la TTXGP, riservata a moto ad impatto ambientale ridotto.

Prove libere 8 e 10 giugno, gara venerdì 12 giugno con inizio alle 10:45, l'anello stradale di 37.733 sull'Isola di Man sarà il primo ad ospitare una competizione per veicoli a due ruote ad impatto zero: un nuovo record per il Tourist Trophy, ma anche un importante sguardo al futuro per una corsa che da un secolo rischia di chiudere i battenti per "le solite" critiche riguardanti la sicurezza.

Il regolamento del TTXGP è decisamente restrittivo: il parametro di "zero emission" è certamente quello fondamentale, ma appare molto interessante, soprattutto in chiave di trasferimento di alcune soluzioni alla produzione di serie, l'obbligo di non utilizzare materiali troppo costosi. Una norma che sarebbe di difficile applicazione se non fosse che le moto, nei 75 minuti successivi alla competizione, devono necessariamente essere messe in vendita ad un prezzo massimo di 21.660 euro...

Due le categorie previste: "Piloti Professionisti", in sella a moto elettriche, ibride, a celle combustibile o a combustione interna...ma alimentate da carburanti non derivati dal petrolio, con limite di rumorosità fissato a 105 dB. Nella categoria "Open", invece, saranno schierate solo veicoli elettrici alimentati a batteria.

Per entrambe le categorie i limiti più importanti riguardano la tensione ai capi del generatore, massimo 1.000 volt, ed il peso minimo della moto: non inferiore ai 100 kg e non superiore ai 300. Tutte le moto che utilizzino sistemi di ricarica esterna, devono poter essere ricaricate utilizzando una comune presa di corrente domestica e non devono richiedere più di 13 Ampere.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top