Sport

pubblicato il 13 marzo 2009

WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4

La quarta posizione di Biaggi nella Q1 conferma il buon potenziale...

WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4 - anteprima 1
  • WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4 - anteprima 2
  • WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4 - anteprima 3
  • WSBK 2009, Qatar: buon avvio per la Aprilia RSV4 - anteprima 4

La seconda tappa della WSBK 2009, in Qatar, conferma il Team Aprilia tra i possibili protagonisti delle due gare che si correranno sabato pomeriggio. Due gli elementi che fanno propendere il pensiero degli addetti ai lavori e degli stessi uomini di Noale verso un weekend di gare positivo: il primo è certamente il potenziale espresso della RSV4 anche tra i curvoni di Losail, già dimostrato a Phillip Island nonostante rimanga qualche problema di ciclistica (ingresso in curva in particolare), il secondo, invece, riguarda Max Biaggi...che in Qatar ha sempre dimostrato di essere l'uomo da battere, vincendo addirittura nel 2007 al suo debutto nella categoria per derivate di serie.

I primi risultati, stando ai crono della Q1 del giovedì (ricordiamo che si correrà sabato pomeriggio), confermano sostanzialmente la sensazione...con la quarta posizione provvisoria in griglia di Max (1’59"826) ed il decimo posto di Nakano, che ha fermato il cronometro su 2’00"238.

"Sono state delle prove non facili – ha dichiarato Biaggi – siamo partiti senza dati e parametri degli anni passati su cui lavorare e questo ci pone in una posizione di svantaggio rispetto agli altri visto che siamo debuttati in questa categoria con la RSV4. Nelle ufficiali del pomeriggio qualcosa è migliorato, la moto è diventata più gestibile, ma perdiamo ancora qualche decimo sul giro rispetto agli altri perché manca un po’ di stabilità soprattutto nelle curve veloci. Ora con i tecnici stiamo cercando delle soluzioni per essere più efficaci, ma c’è poco tempo per lavorare e ci stiamo concentrado soprattutto sulla ciclistica".

"Non è facile qui impostare il lavoro perché non abbiamo dati da analizzare – ha detto Nakano – ma comunque oggi non è andata male. Rispetto a Phillip Island abbiamo risolto qualche problemino, abbiamo meno chattering e questo mi ha permesso di contrentarmi di più sulla guida. Stamattina la pista era molto scivolasa, nel pomeriggio il grip è migliorato ed abbiamo potuto lavorare meglio sulla ciclistica. Il motore va bene ma l’erogazione è ancora troppo aggressiva".

Tra poche ore ne sapremo di più. Stay tuned!

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top