Sport

pubblicato il 2 marzo 2009

WSBK 2009: esordio positivo per BMW

Corser ottavo in Gara 1 con la cigliegina del miglior tempo di manche...

WSBK 2009: esordio positivo per BMW
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 1
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 2
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 3
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 4
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 5
  • BMW S 1000 RR SBK - Phillip Island 2009 - anteprima 6

Si potrebbe dire che l'esordio nel mondiale SBK da parte del Team BMW Motorrad Motorsport sia stato decisamente positivo, o almeno così sembrano dire i risultati: l'ottavo posto di Troy Corser in gara 1, con la cigliegina sulla torta del giro più veloce di manche, è senz'altro un buon biglietto da visita di una avventura che sembra essere partita con il piede giusto.

Un risultato che fa tutto sommato il paio con l'11° posto di Ruben Xaus, ancora lontano dalla forma ottimale sulla S 1000 RR, ma sufficiente per consegnare delle certezze ad un ambiente per forza di cose sotto pressione per il momento storico - dato che BMW non ha mai messo le ruote in SBK - e per il concomitante debutto di Aprilia, anch'essa alle prese con un progetto nato dal foglio bianco e debuttante nel Mondiale per derivate di serie.

"Sono felice che sia finalmente iniziato il Mondiale - ha dichiarato Berti Hauser, direttore di BMW Motorrad Motorsport - e sono orgoglioso di tutto il duro lavoro svolto da piloti e team negli ultimi mesi. I risultati di oggi sono molto diversi e possono essere letti in molti modi, ma sappiamo quali sono i punti deboli e sono sicuro che possiamo migliorare molto. Il risultato di Troy in gara 1 è davvero eccezionale, anche in considerazione del fatto che la sua S 1000 RR è in vetta alla classifica dei tempi ottenuti in quella manche. Ecco perchè credo di avere ottime motivazioni per pensare che difficilmente si sarebbe potuto ottenere una partenza migliore di questa."

Belli, bravi, bis? Sì, perchè no, almeno stando alle parole di Berti Hauser, ma d'ora in avanti quello che serve è la ricerca di costanza nelle prestazioni. Aprilia ha dimostrato mettere il muso davanti per più di un giro è possibile, anche lottare per un posto sul podio se possibile, mentre BMW è sembrata globalmente più acerba e legata nel suo risultato "da copertina" ad un Corser in versione prestigiatore sul tavolo verde della sua Phillip Island. Con questo non vogliamo certamente dire che la BMW non possa essere una protagonista di alcune delle prossime gare, anzi, ma tutto dipenderà dalla velocità con la quale piloti e tecnici riusciranno a mettere a punto il setup della moto, apparentemente meno facile da mettere a punto rispetto alle migliori rivali.

L'appuntamento con il Mondiale SBK e la BMW S 1000 RR di Corser e Xaus è fissato per il 14 marzo, in Qatar. Stay tuned!

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top