Special e Elaborazioni

pubblicato il 25 febbraio 2009

Yamaha M1 Replica

65.000 dollari potrebbero bastare per una M1 replica...

Yamaha M1 Replica
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha M1 Replica - anteprima 1
  • Yamaha M1 Replica - anteprima 2
  • Yamaha M1 Replica - anteprima 3
  • Yamaha M1 Replica - anteprima 4

Se vi avanzasse una Yamaha R1 prodotta nelle annate comprese tra il 2004 ed il 2008 ed il vostro conto in banca non sapesse proprio come liberarsi di 65.000 dollari, potrebbe anche essere una buona idea quella di trasformare la superbike ferma in garage in una GP Replica.

L'idea, se così si può chiamare, è venuta alla GP Motorsports...che ha operato su tutti i settori della moto, differenziandosi così in modo netto dalla Ducati Desmosedici Replica realizzata amatorialmente da un appassionato francese, su base Monster S4.

In questo caso infatti, la sola preparazione del motore in configurazione SBK rende davvero speciale questa replica, che utilizza il telaio di serie, ma sospensioni completamente riviste...a partire dalla forcella Ohlins pressurizzata per arrivare all'ammortizzatore Ohlins pluriregolabile, che agisce sul nuovo forcellone in alluminio.

Eccezionale la componentistica, con piastre di sterzo di derivazione R7, cerchi da 16.5 pollici in fibra di carbonio, pinze freno monoblocco Brembo racing abbinati a dischi freno "standard" - se non per la configurazione geometrica a margherita - ma anche un nuovo vestito, del tutto simile a quello della M1 per forma e materiali utilizzati: serbatoio, carena, parafanghi e numerosi dettagli sono realizzati in fibra di carbonio, così come lo scarico a silenziatore corto...che trova posto sul lato destro.

Insomma, la proposta è certamente interessante ma il tutto sarebbe stato ancor più perfetto utilizzando come base tecnica la R1 2009, dotata di uno speciale albero motore a croce, vera e propria peculiarità derivata direttamente dalla M1 impegnata nel mondiale.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni


Top