Eventi

pubblicato il 8 febbraio 2009

Qualità & Design al 1° Roma Motodays

Il corner dell'eccellenza italiana... artigianale

Qualità & Design al 1° Roma Motodays
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 1
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 2
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 3
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 4
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 5
  • Qualità & Design al 1° Roma Motodays - anteprima 6

In termini di vendite le quattro grandi Case giapponesi fanno la parte del leone sul mercato internazionale. Ci sono poi i Costruttori europei che mettono l’accento sull’originalità del design e sui motori ricchi di coppia per proporre moto dai forti contenuti emozionali. Tra di essi, o meglio, tra le Case italiane, vi è una nicchia composta da atelier artigianali per i quali progettare e realizzare una moto è soprattutto una questione di passione, manualità e genio progettuale. Parliamo di quel microcosmo a due ruote composto da marchi come NCR, Rondine, CR&S, RosMoto, Vyrus e WRM.

Su iniziativa di Filippo Nuccitelli, titolare di Rondine Motor che ha coordinato l’iniziativa, a Roma MotoDays si può visitare il corner "Qualità&Design" ed ammirare alcune di queste splendide creature a due ruote. Forgiate dalle menti e dalle mani di appassionati progettisti e tecnici, sono splendide creature che sacrificano volentieri l’ottica della razionalità industriale sull’altare dell’originalità tecnica e stilistica.

NCR ha esposto la Mike Hailwood TT, meravigliosa celebrazione della moto con cui il Campione inglese, al ritorno nelle corse nel 1978, vinse in sella alla Ducati 900 NCR il Tourist Trophy dell’Isola di Man. C’è poi la strepitosa Millona One Shot, famosa per l’incredibile rapporto peso/potenza di 1:1, ottenuto con materiali ultraleggeri e il motore Ducati 2 valvole superbombardato!

Sulla pedana riservata a Rondine Motor campeggia la fantastica RRV1, una sportiva che si potrebbe definire a tutti gli effetti "ricavata dal pieno", quasi una scultura, plasmata con lega di alluminio e carbonio e dotata anche’essa di motore Ducati 2 valvole ma raffreddato a liquido.

Dal Piemonte arriva la SR744R, ovvero Suzuki Rosmoto 744 cc Racing. Il vulcanico tecnico piemontese ha nel corso degli anni sviluppato il motore della Suzuki SV650 fino a farlo diventare una bomba da 100 CV. Le sue moto, vincenti anche in pista, sono interamente artigianali, dato che anche il telaio è "factory", e rappresentano uno dei rari casi in cui, per la realizzazione di una racer artigianale, al bicilindrico Ducati ne viene preferito uno giapponese.

Orgoglio della Milano motociclistica è l’incredibile CR&S Vun, monocilindrica da 654 cc con motore Rotax 4 valvole raffreddato a liquido. Interamente costruita e assemblata a mano, leggera e facile da guidare, è proposta in tre versioni, stradale, pista e sidecar, completamente personalizzabili su specifiche del cliente.

Ma allo stand Design & Qualità di Motodays c’è anche la Bimota, con la superbike DB7, una presenza graditissima con cui la Casa riminese vuole sottolineare la sua vocazione artigianale pur presentandosi sul mercato come Costruttore di moto in serie, seppure specialissime ed elitarie. Assenti purtroppo WRM e Vyrus per problemi logistici e legati alla disponibilità di moto da esporre.

Lo stand "Design & Qualità" è a Motodays, Fiera di Roma, padiglione 6, area E2.

Autore: Redazione

Tag: Eventi


Top